Videostoria: Valery Space, l’auto è in officina e chi la guida fa pilates

Read the english version

Marcello, Francesco, Davide e Chiara Cadamuro e la Valery Space, tante aziende in un’unica azienda a conduzione familiare. Già, perché nel capannone di oltre 3000 metri quadri alle porte di Pordenone convivono tante anime. L’attività principale è l’officina di autoriparazione, gestita da papà Marcello e Francesco e specializzata nella sostituzione dei vetri. Accanto c’è la palestra, che accoglie i clienti sotto l’occhio attento della sorella Chiara. E poi c’è Davide, che tiene le fila sotto il profilo del marketing. Sono i protagonisti di CNA Storie del mese. Alle porte di Pordenone hanno dato vita a un esperimento molto particolare di co-working e l’hanno dedicato alla vulcanica nonna Valeria.

Il regalo più prezioso: il tempo

“L’idea di questo progetto è di regalare ai clienti la cosa più preziosa: il tempo” spiega Francesco che racconta come l’idea sia nata per creare sinergie tra professionisti. L’utente non ha tempo per fare il tagliando all’auto? Qui il problema si risolve: “Mentre la macchina è in revisione in officina, può dedicarsi a sé, facendo una lezione in palestra o un massaggio. Siamo una sorta di centro commerciale, ma invece che vendere prodotti, offriamo servizi” spiega Francesco.

Un centro di servizi in continua trasformazione

All’interno di Valery Space è possibile affittare spazi per svolgere qualsiasi tipo di attività. E così, accanto alla palestra, è possibile trovare lo studio di un nutrizionista e l’atelier di una sarta. Un’idea innovativa che si nutre di continui stimoli e aggiornamenti di competenze. “Chi non si informa rimane indietro di anni. Se non sei preparato, formato ad affrontare nuovi problemi difficilmente hai la lungimiranza di affrontare anche problemi vecchi” dice Francesco. Gli fa eco papà Marcello: “Con le nuove tecnologie il vetro è diventato parte strutturale del veicolo, alla stregua di un qualsiasi lamiera” per seguire questa evoluzione è stata necessaria una grande specializzazione del lavoro, sempre più pulito. Spiega Marcello: “oggi l’autoriparatore potrebbe lavorare in officina anche in calce bianco”.

Una storia di trasmissione generazionale

Una storia di trasmissione generazionale che si arricchisce ogni giorno grazie all’entusiasmo di Davide e Francesco e alla visione di papà Marcello. “Per me è molto importante aver vissuto in una famiglia di imprenditori – dice Davide-. Per me è una gioia portare avanti questa tradizione. È un impegno”. Il nonno di Davide lavorava il ferro “e mio padre ha sviluppato questo mestiere in officina con grande passione” racconta.

Una storia di valori

“Si passa la maggior parte del tempo al lavoro ed è lì che si percepiscono determinati valori. Quelli che porti nella tua famiglia li porti ai tuoi clienti, e viceversa”, dice Francesco. “Ci deve essere una certa visione”, aggiunge Marcello, che racconta la sua: “a volte anche inseguire un’utopia può sembrare fantascienza. Visionario è chi riesce a realizzarla. E la visione, oggi, diventa sempre più importante, sempre più imminente. Se non la realizzi in poco tempo, invecchi in poco tempo”. Questa è la lezione più preziosa che Marcello ha trasmesso ai suoi figli.









Questo articolo Videostoria: Valery Space, l’auto è in officina e chi la guida fa pilates è stato pubblicato su CNA.

Read More

ASSOCIATI