Turismo a Salerno, le proposte della CNA

Il 2024, per Salerno e provincia, sarà l’anno per accelerare sulla formazione nel settore turistico con “Creta”, l’Ifts – Istituto superiore di istruzione e formazione tecnica – dedicato a formazione e turismo, in vista soprattutto dell’apertura dell’aeroporto Costa d’Amalfi. È quanto annunciato da CNA Salerno alla Bit di Milano nell’ambito della vetrina Campania Divina.

“A Milano – ha spiegato il presidente di CNA Salerno Lucio Ronca – abbiamo presentato la nostra prossima sfida che unisce il settore turistico e l’artigianato, il progetto Ifts, finanziato dalla Regione Campania, che porterà alla nascita di una nuova figura professionale che sappia ‘vendere’ i prodotti e i servizi turistici, culturali e artigianali di un territorio“. Il progetto nasce da un partenariato che vede insieme tre scuole, ovvero il liceo Sabatini Menna di Salerno, il Galizia di Nocera, il Vanvitelli di Cava de Tirreni ma anche l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Moby Dick, il Comune di Vietri sul Mare, CNA di Salerno e di Matera e tante imprese del settore, con un capofila accreditato come Pform Group srl, forte dell’esperienza della scuola di ceramica.

“Per il settore turistico – sottolinea Simona Paolillo, segretario di CNA Salerno e membro della commissione turismo della Camera di Commercio di Salerno – lavoreremo in affiancamento alle imprese che gestiscono lidi, alberghi, b&b, strutture ricettive di vario genere e alle Istituzioni”.

Questo articolo Turismo a Salerno, le proposte della CNA è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI