TRENDMARCHE, NELLE IMPRESE CHE RESISTONO AUMENTANO RICAVI E INVESTIMENTI RISPARMIO ENERGETICO E INNOVAZIONE TECNOLOGICA LE STRADE DEL FUTURO

Le imprese marchigiane in attività tra la fine del 2022 e la fine del 2023 sono scese da 140.066 a 135.205, con la perdita di 4.861 aziende. In calo anche le imprese artigiane passate da 40.657 a 39.543 con la scomparsa di 1.114 aziende attive.

I ricavi delle 3.500 imprese artigiane e micro e piccole imprese del campione analizzato dall’Osservatorio congiunturale di TrendMarche, sono aumentati del 27,6 per cento. Anche gli investimenti sono aumentati del 9,9 per cento.

Il covid, i conflitti in atto, l’inflazione, i cambiamenti climatici, l’evoluzione tecnologica, l’intelligenza artificiale.

Negli ultimi anni per gli artigiani e le piccole imprese marchigiane è cambiato tutto a grande velocità. Improvvisamente si sono trovati ad affrontare problemi prima sconosciuti.

“Le nostre imprese” hanno affermato il presidente Cna Marche Paolo Silenzi e il vicepresidente regionale Confartigianato Paolo Longhi “hanno avuto difficoltà a trovare materie prime e lavorati, hanno subito un forte incremento del costo delle risorse energetiche e dei costi logistici, l’aumento del costo del denaro. Hanno dovuto far fronte allo sviluppo del digitale e dello smart working, al crescere dell’economia green, alla mancanza di figure professionali adeguate alle loro esigenze, ad una continua insicurezza normativa”

TrendMarche, il rapporto semestrale sull’artigianato e sulla micro e piccola impresa, è stato presentato ad Ancona. Realizzato da Cna e Confartigianato Marche in collaborazione con Intesa Sanpaolo e con le università Politecnica delle Marche e Urbino Carlo Bo, rappresenta una fotografia puntuale e accurata per quanto riguarda l’andamento di produzione, fatturato e investimenti. E’ stato inoltre presentato un focus sulla competitività del sistema produttivo marchigiano di fronte ai nuovi scenari del mercato globale.

Dopo i saluti di Vincenzo De Marino direttore commerciale Retail Emilia Romagna e Marche Intesa Sanpaolo, sono intervenuti il presidente di Cna Marche Paolo Silenzi e il vicepresidente regionale di Confartigianato Paolo Longhi. I risultati di TrendMarche sono stati illustrati da Giovanni Foresti, Economista del Research Department Intesa Sanpaolo, Ilario Favaretto professore dell’università di Urbino “Carlo Bo” e Gian Luca Gregori, rettore dell’università Politecnica delle Marche. Per la Regione Marche sono intervenuti il presidente Francesco Acquaroli e l’assessore a Industria e Artigianato Andrea Maria Antonini.

Chi non ha superato la crisi. Le imprese marchigiane in attività tra la fine del 2022 e la fine del 2023 sono scese da 140.066 a 135.205, con la perdita di 4.861 aziende. In calo anche le imprese artigiane passate da 40.657 a 39.543 con la scomparsa di 1.114 aziende attive.

Chi ce l’ha fatta. Imprese in calo ma chi ha resistito si è rafforzato sul mercato. I ricavi delle 3.500 imprese artigiane e micro e piccole imprese del campione analizzato dall’Osservatorio congiunturale di TrendMarche, sono aumentati del 27,6 per cento. Tra i settori i ricavi nei servizi sono cresciuti del 33,5 per cento, nella manifattura del 29,9 per cento e nelle costruzioni del 16,3 per cento. Anche gli investimenti sono aumentati del 9,9 per cento. Negli ultimi due anni, malgrado un quadro economico in continuo cambiamento, il tasso di occupazione nelle Marche è aumentato del 3,2 per cento. Tra maggio e la fine di luglio sono previste 44.490 nuove assunzioni ma il 51,5 per cento è considerato di difficile reperimento.

Risparmio energetico e innovazione tecnologica sono le strade tracciate per la crescita delle imprese marchigiane. Il 41,8 per cento delle assunzioni nel 2023 ha riguardato competenze green e il 17,8 per cento competenze digitali. Anche gli investimenti green sono aumentati del 2,2 per cento arrivando al 23,9 per cento. Invece gli investimenti nel digitale, pur coprendo una quota del 61,2 per cento, sono diminuiti del 5,8 per cento.

La strada è tracciata ma è ancora lunga. Al momento quasi due imprese su tre (63,1 per cento), secondo il focus di TrendMarche non ha in organico figure professionali competenti per la transizione energetica e digitale e solo il 6,2 per cento intende assumere lavoratori specializzati in questi campi. Il 56,9 per cento intende avvalersi di collaborazioni e consulenze esterne mentre il 35,4 per cento non si doterà di figure professionali in questi campi.

Per sostenere i processi di transizione ecologica e digitale le micro e piccole imprese marchigiane chiedono più incentivi pubblici (72,3 per cento), meno burocrazia (43,1 per cento) e percorsi formativi specifici (15 per cento).

Per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, il 38,5 per cento degli artigiani e piccoli imprenditori marchigiani, ammette di averne una conoscenza nulla o limitata e il 52,3 per cento non è in grado di prevederne l’impatto sulla sua attività.

“I prossimi anni” hanno concluso Silenzi e Longhi “saranno decisivi ma se il sistema produttivo marchigiano delle micro e piccole imprese vuol tornare a correre nel nuovo contesto competitivo non ci sono alternative alla transizione green ed a quella digitale. Compito delle istituzioni pubbliche, delle università e della formazione regionale, degli istituti di credito e delle associazioni di categoria è quello di accompagnarle e guidarle in questo processo, aiutandole a trovare competenze e risorse adeguate alla sfida epocale che si trovano di fronte.”

RAPPORTO TRENDMARCHE 2024

DICHIARAZIONI

VINCENZO DE MARINO Direttore commerciale Retail Emilia Romagna e Marche Intesa Sanpaolo

“La diversificazione produttiva e la massiccia presenza di piccole e medie imprese, distretti e filiere di prossimità debbono continuare a rappresentare un punto di forza per la competitività marchigiana su scala globale. Per questo sarà importante per la regione il nuovo programma “Il tuo futuro è la nostra impresa” con cui mettiamo a disposizione 5 miliardi di euro fino al 2026 per accompagnare la progettualità di PMI e aziende di minori dimensioni delle Marche su ambiti prioritari come Transizione 5.0, energia, sviluppo all’estero e progresso digitale, oltre ad integrare soluzioni di finanziamento a consulenza e formazione, quest’ultima sempre più strategica in una prospettiva di medio-lungo termine”

 

GIOVANNI FORESTI Economista del Research Department Intesa Sanpaolo –

“Il rilancio dell’economia marchigiana – ha spiegato Giovanni Foresti, passa necessariamente attraverso gli investimenti e la valorizzazione del capitale umano. L’ormai prossima approvazione dei decreti attuativi a Transizione 5.0 dovrebbe sbloccare le decisioni di investimento nell’ultima parte dell’anno. Le imprese marchigiane hanno le risorse per cogliere queste opportunità, grazie anche a una struttura patrimoniale che nel tempo si è molto rafforzata e a un’ampia disponibilità di liquidità che può essere utilizzata in parte per autofinanziare gli investimenti.

 

ANDREA MARIA ANTONINI Assessore Industria e Artigianato Regione Marche

“La Regione in questi anni difficili, dal Covid in poi, è stata al fianco delle imprese, affiancandole nei processi di innovazione, internazionalizzazione, accesso al credito. Abbiamo stanziato 20 milioni di euro per il credito a 12 mila micro e piccole imprese, 26 milioni per l’innovazione, 7 milioni per investire sulle competenze, 9,7 milioni per il bando artigianato con 700 domande e 55 milioni per la ricerca e sviluppo”.

 

FRANCESCO ACQUAROLI Presidente Regione Marche

“Dobbiamo ringraziare le piccole e medie imprese delle Marche che hanno dimostrato grande capacità di resistenza, di fronte a enormi difficoltà come l’impennata del costo dell’energia, che è aumentato di 8/10 volte, incidendo sulla liquidità e sugli investimenti aziendali. La Regione è stata al loro fianco con una progettazione forte per quanto riguarda le infrastrutture, l’innovazione, l’internazionalizzazione, la ricerca e sviluppo. Continueremo a lavorare insieme per consolidare e rafforzare il sistema produttivo regionale sui mercati nazionali e internazionali”.

ASSOCIATI