Sardegna, rallenta la corsa dell’export, preoccupa lo scenario mondiale

“Le esportazioni sarde hanno mostrato nel primo trimestre dell’anno una significativa flessione in un contesto generale di rallentamento della crescita mondiale. Tiene molto bene, insieme al petrolifero, il comparto della chimica, mentre il comparto della lavorazione dei metalli, cresciuto nel 2021, registra una forte contrazione. Si mantiene positivo anche il trend delle vendite agroalimentari, ma preoccupa il rallentamento della crescita considerando la sua non omeogena distribuzione a livello territoriale, con aree di forti riduzioni, tra cui mercati strategici come quello statunitense, ma anche quella proveniente da un altro motore economico, la Cina. Considerando che i dati oggi disponibili ancora non registrano gli effetti della crisi in Ucraina, è chiaro che anticipano una situazione che potrebbe peggiorare drasticamente. I rischi legati all’incerto scenario globale sono particolarmente rilevanti proprio per quelle produzioni regionali spiccatamente orientate verso grandi mercati, quello statunitense e quello tedesco, la cui economia risulta fortemente impattata dagli effetti della crisi in Ucraina (la Germania) e dall’esaurimento delle politiche fiscali e monetarie espansive (soprattutto gli USA), nonché, più in generale, dalle rigidità che gravano su tutto l’apparato produttivo manifatturiero (problemi di approvvigionamento e strozzature delle catene logistiche). Altrettanto rilevante sarà l’evoluzione della dinamica dei prezzi delle commodity e dell’energia, soprattutto per quanto riguarda attività produttive altamente energivore come la lavorazione dei metalli, con una probabile trasmissione degli aumenti dei costi sui prezzi di produzione (all’export) e, di riflesso, minore competitività al livello internazionale delle produzioni isolane”. Così commentano Luigi Tomasi e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della CNA Sardegna l’analisi fatta dal Centro Studi della Confederazione sui dati dell’export nell’Isola.

Nel primo trimestre 2022 il valore dell’export regionale è cresciuto del 35% rispetto al corrispondente periodo del 2021. Se si considera il ritmo espansivo registrato dalle esportazioni alla fine del 2021, si tratta però di un sensibile rallentamento della corsa (era stato registrato addirittura un +63%). In ogni caso il livello della domanda estera di prodotti regionali è molto alto, pari a 1,6 miliardi, superiore a quelli pre-pandemici.

In ogni caso il livello della domanda estera di prodotti regionali nel 1° trimestre  2022 è comunque superiore a quelli pre-pandemici (1,6 miliardi). Preoccupa l’export al netto dei prodotti petroliferi raffinati che ha avuto una flessione del 6% rispetto al primo trimestre 2021.

Molto bene i prodotti chimici (82 milioni) e l’agroalimentare (+6%). In forte calo l’industria della lavorazione del metallo che lo scorso anno aveva avuto una crescita esponenziale (-74,5%).

Il settore agroalimentare rappresenta attualmente il 15% dell’export regionale al netto dei prodotti petroliferi, ma desta preoccupazione la flessione del 9% registrata dalla domanda da parte degli Stati Uniti (-9%) che rappresenta il 44% del mercato; si contrae anche il mercato cinese -40% che rappresenta il 2% del mercato, preoccupa meno l’export verso la Russia,0,1% sul totale. Nel primo trimestre dell’anno in corso le vendite di pecorino e dolce sardo, considerando anche lotti prodotti al di fuori dell’Isola, si sono attestate su 52 milioni: in crescita del 30% rispetto al primo trimestre 2021.

 Leggi qui il report completo

Questo articolo Sardegna, rallenta la corsa dell’export, preoccupa lo scenario mondiale è stato pubblicato su CNA.

Read More

ASSOCIATI