Ragusa, dalla CNA un appello per migliorare l’operatività dell’aeroporto di Comiso

Una tavola rotonda ricca di contenuti che ha permesso agli attori protagonisti del territorio di discutere di proposte concrete per migliorare l’operatività dell’aeroporto di Comiso. Sindaci, parlamentari e imprenditori si sono confrontati sabato scorso nella sede di CNA Ragusa, nel contesto di una iniziativa promossa per ricordare, a 13 anni dalla scomparsa, la figura dell’indimenticato dirigente Pippo Tumino. Presente all’iniziativa Claudio Giovine, direttore della Divisione economica e sociale della CNA nazionale che, concludendo i lavori, ha evidenziato l’importanza dello sviluppo del sistema infrastrutturale del territorio ragusano per il Paese.

Il giornalista Gianni Marotta di Milano Finanza ha posto alcuni quesiti nodali all’amministratore delegato della Sac (Società Aeroporto Catania), Nico Torrisi. “Abbiamo apprezzato la disponibilità di quest’ultimo al dibattito – sottolinea il presidente della CNA territoriale, Giuseppe Santocono – Ha chiesto ai sindaci, ai fini della introduzione di nuove tratte, un coinvolgimento in termini di apporto della tassa di soggiorno e ai parlamentari un impegno per dotare la provincia di arterie stradali e infrastrutturali adeguate e necessarie per un aeroporto”. All’iniziativa è intervenuto anche il presidente regionale di CNA Sicilia, Sebastiano Battiato. “CNA, insieme ai sindaci e ai parlamentari, ha fatto emergere la grave crisi che impatta sui flussi turistici e le preoccupazioni del territorio se non si potenziano immediatamente le rotte –ha affermato Battiato – La rottura degli accordi con Ryanair, se da un lato apre alla concorrenza di altre compagnie, dall’altro ha avuto senza dubbio un contraccolpo pesantissimo per gli operatori del settore alberghiero, extralberghiero, della ristorazione”. Nel corso del convegno è stato evidenziato anche come la Regione dovrebbe utilizzare lo stesso peso economico attribuito all’aeroporto di Trapani per garantire una giusta concorrenza: non si può sostenere solo uno scalo e tralasciare Comiso.

“Ovviamente –ha sottolineato Santocono – tutti siamo consapevoli che si tratta di uno scalo minore e non può avere i numeri di Catania. Ma certo sentire che su Catania in un mese arrivano 1 milione e mezzo di passeggeri, fa parecchio male agli imprenditori e ai cittadini del territorio ragusano. Ecco perché da parte mia c’è stato un appello alla condivisione con la nostra associazione di categoria e con tutti i protagonisti della provincia di Ragusa”.

“La CNA – ha sottolineato il segretario territoriale, Carmelo Caccamo – ha avuto il merito di affrontare in modo aperto la questione aeroporto con grande maturità, senza polemiche ma con analisi e studio dei fatti concreti, partendo dal dato consolidato di uno scalo che ha operato in perdita negli anni, con quasi 3 milioni di euro di disavanzo sostenuti dalla Sac e con la consapevolezza che è necessario chiedere uno sforzo maggiore di investimento per invertire la tendenza. Siamo soddisfatti del lavoro che stiamo portando avanti soprattutto nel campo delle infrastrutture, abbiamo parlato di reti autostradali nel mese di marzo e adesso di sistema aeroportuali. Tutto ciò per cercare di gettare le basi finalizzate a favorire la crescita del territorio”.

Questo articolo Ragusa, dalla CNA un appello per migliorare l’operatività dell’aeroporto di Comiso è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI