Payback sanità, misura ingiusta per i fabbricanti di dispositivi medici

Moltissimi odontotecnici, in qualità di fabbricanti di dispositivi medici su misura a uso odontoiatrico, sono destinatari delle richieste da parte delle Regioni di pagamento del payback per le annualità che vanno dal 2015 al 2018.

Si tratta di un sistema che obbliga, in maniera retroattiva, a un esborso complessivo di oltre due miliardi di euro per colmare il superamento del tetto di spesa da parte degli enti regionali.

La misura stabilita dal Dm del ministero della Salute datato 6 luglio 2022 prevede che il superamento del tetto di spesa regionale per dispositivi medici sia posto a carico delle aziende fornitrici di dispositivi medici, e quindi anche dei fabbricanti odontotecnici che hanno partecipato a gare pubbliche per tali forniture.

Insomma, dopo essersi aggiudicate legittimamente una gara (facendo i conti con i propri bilanci aziendali e pagando anche le tasse sull’importo finale d’asta), le imprese fornitrici sono costrette a concorrere, con proprie risorse e anni dopo l’aggiudicazione della gara, al ripianamento dello sfondamento del tetto di spesa regionale. Si tratta di una norma ingiusta, che va modificata al più presto in quanto non tiene conto delle difficoltà crescenti dei produttori, a cominciare dal caro-energia, e mette a carico delle imprese fornitrici anche spese straordinarie sostenute per combattere l’emergenza Covid. Lo chiede con forza CNA SNO Odontotecnici.

Questo articolo Payback sanità, misura ingiusta per i fabbricanti di dispositivi medici è stato pubblicato su CNA.

Read More

ASSOCIATI