Pane, purtroppo gli aumenti non sono finiti

“Qui in Italia, l’aumento dei costi di produzione del pane non è stato ancora riversato del tutto sul consumatore finale, sono le imprese che stanno scontando una serie di rincari, ad iniziare dalla crescita del 30% degli imballaggi ad arrivare all’aumento del costo dell’energia del 300% nei primi mesi dell’anno. Ma gli aumenti si sono iniziati a vedere già a partire dallo scorso anno con il rincaro del grano e di tutte le materie prime dovuto al fatto che i Paesi oggetto della pandemia hanno riavviato la produzione contemporaneamente, ritrovandosi a rispondere anche a una ripresa massiccia della domanda. A tutto questo si è aggiunta la siccità che ha colpito i raccolti statunitensi e canadesi, con un primo aumento dei costi delle farine.” Gabriele Rotini, responsabile agroalimentare CNA, intervistato ai microfoni di Casa Italia Rai sul caro pane.

 

 

 

Questo articolo Pane, purtroppo gli aumenti non sono finiti è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI