Oltre 404mila Mod730. Un successo collettivo. Tagliare ai CAF significa far pagare i contribuenti!

“Ogni nuovo esecutivo, anziché raschiare il barile del finanziamento ad uno strumento che funziona, dovrebbe prendere atto che le attività di CAF sono essenziali per larga parte della popolazione e non solo di quella più avanti con gli anni” così Armando Prunecchi Presidente del CAF CNA.

Il sistema dei CAF, insieme a quello dei patronati, continua a garantire i servizi necessari alla P.A. con il suo ruolo di intermediario di fiducia e di consulenza, con professionalità e qualità, come dimostrano i numeri in costante crescita.

“Tutto questo dovrebbe essere ricordato, quando si parla del sistema dei CAF o, più semplicemente, si potrebbe chiedere ai contribuenti cosa pensano del sistema dei CAF, per capire esattamente il ruolo che hanno svolto agevolando i rapporti con la ‘cattiva’ burocrazia del paese”, continua Prunecchi. “Troppo spesso si parla dei CAF solo quando si può raccontare qualcosa di anomalo e lo si spaccia per consuetudine, il ‘mostro’ fa notizia ma è un cattivo modo di fare informazione e non produce risultati”.

Infatti, con grande soddisfazione, la campagna 730/2023 ha registrato un nuovo risultato positivo, conclude Roberto Vitale, Direttore del CAF CNA, abbiamo superato la soglia dello scorso anno e prodotto oltre le 404.000 unità.

“Abbiamo ancora margini di crescita per il nostro sistema – afferma Prunecchi – dobbiamo migliorare le interazioni con CNA Pensionati, con il Patronato e con la platea di CNA Cittadini. Anche per questo abbiamo avviato, con buoni risultati, il progetto ‘GOL’ che vede una ampia interazione tra CAF, CNA Pensionati, Patronato Epasa-Itaco, CNA Cittadini e Marketing CNA.

Vogliamo aumentare il numero di pensionati associati che ancora non si rivolgono al nostro CAF, al tempo stesso valorizzare le opportunità del sistema associativo per coloro che si rivolgono al CAF per il 730 o per altre attività e consulenze, non ancora associati a CNA Pensionati.

Irrobustiamo la scelta sugli strumenti digitali, agevolando il caricamento dei documenti attraverso il nostro portale o l’app ‘scatta’ e la firma digitale.

Anche in questa non facile congiuntura, un particolare apprezzamento e ringraziamento per il lavoro di tutte le strutture territoriali convenzionate, senza dimenticare la bravura e professionalità delle colleghe che operano in supporto e consulenza, nella nostra struttura centrale.

 

Questo articolo Oltre 404mila Mod730. Un successo collettivo. Tagliare ai CAF significa far pagare i contribuenti! è stato pubblicato su CNA.

Read More

ASSOCIATI