NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 98

18 NOVEMBRE 2011

Dalla Cna Marche:

 

Sottoscritto un accordo con  la Banca Popolare di Ancona, la Banca Marche, le Banche di Credito Cooperativo della regione Marche,  la Carifermo, la Carifoligno, la Carilo, la Carisap,  la Banca della Provincia di Macerata e la Banca dell’Adriatico. Fidimpresa garantirà i prestiti al 100 per cento.

 

ALLARME TREDICESIME. LE IMPRESE NON HANNO I SOLDI PER PAGARLE

INIZIATIVA DI FIDIMPRESA MARCHE PER AIUTARE LE AZIENDE

 

Gli artigiani sono in crisi di liquidità e in  difficoltà per far fronte agli impegni finanziari delle prossime settimane: dalle tredicesime  ai versamenti dei contributi fiscali e contributivi.

 

Allarme tredicesime. Le piccole e medie imprese marchigiane non hanno in cassa i soldi per pagare la tredicesima mensilità e sono in difficoltà anche per rispettare le scadenze dei versamenti contributivi e previdenziali. Gli artigiani e i piccoli imprenditori della regione,  in crisi di liquidità, si trovano nella impossibilità di far fronte agli impegni finanziari da qui alla fine dell’anno e sempre più difficilmente ottengono prestiti dalle banche per onorare queste scadenze.

Di fronte a questa situazione di grave crisi economica e finanziaria che sta attraversando il sistema produttivo marchigiano e per scongiurare il rischio che i lavoratori delle piccole e medie imprese artigiane festeggino il Natale senza tredicesima, Fidimpresa Marche, il Confidi unico della Cna, ha stipulato un accordo con i principali istituti di credito della regione.

Fidimpresa mette a disposizione dei propri soci  un finanziamento fino a 15 mila euro con un tasso d’interesse agevolato. Finanziamento che verrà erogato in due giorni e dovrà essere restituito in dodici mesi. Uniche condizioni per la concessione del prestito sono quelle di essere iscritti da almeno un anno a Fidimpresa Marche ed avere regolarmente estinto o avere in piedi almeno un finanziamento garantito da parte del Confidi. Il finanziamento sarà erogato in due giorni da uno degli istituti di credito convenzionati e sarà garantito al 100 per cento da Fidimpresa Marche, che si fa carico totalmente di eventuali insolvenze delle imprese.

“Da parte nostra si tratta di un atto di fiducia verso imprenditori che attraversano una momentanea crisi di liquidità  Ci aspettiamo” sostiene il presidente Fidimpresa Marche Alberto Barilari “che oltre la metà dei ventimila imprenditori associati si trovi nelle condizioni di accedere al prestito per pagare le tredicesime. Si tratta di imprese sottocapitalizzate e con grosse difficoltà ad accedere al credito bancario senza la nostra garanzia.”

Oltre che per il pagamento delle tredicesime, il finanziamento potrà essere richiesto anche per il pagamento delle imposte e dei contributi previdenziali.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con  la Banca Popolare di Ancona, le Banche di Credito Cooperativo della regione Marche,  la Carifermo, la Carifoligno, la Carilo, la Carisap,  la Banca della Provincia di Macerata, la Banca dell’Adriatico e con Banca Marche per la solo liquidità.

“Con Banca Marche” precisa il direttore Fidimpresa Marche Giancarlo Gagliardini “abbiamo sottoscritto un ulteriore accordo finalizzato esclusivamente al pagamento delle tredicesime. In pratica Banca Marche mette a disposizione delle aziende un importo massimo di 30 mila euro, con un tetto di mille euro per dipendente, rimborsabili in sei mesi, mentre Fidimpresa garantisce il prestito almeno al  50 per cento.”

Dalla Cna nazionale:

 

IMPRESE,  BANCHE E ASSICURAZIONI:

SI AL PROGRAMMA DEL GOVERNO MONTI

 

Accogliamo con soddisfazione le linee programmatiche esposte oggi dal Presidente Monti. Apprezziamo in particolare, le parole di verità che egli ha pronunciato riguardo allo stato di salute dell’economia italiana e l’ampiezza del disegno riformatore, centrato sulla crescita come condizione indispensabile per il risanamento finanziario, oltre che per il futuro dei nostri giovani. Riteniamo importanti gli impegni assunti in materia di riequilibrio della pressione fiscale con la finalità di ridurne il peso su imprese e lavoratori. Daremo al governo tutto il sostegno che è necessario per eliminare gli ostacoli burocratici e regolamentari che oggi si frappongono alla nascita e alla crescita delle imprese. Come parti sociali, siamo stati invitati a procedere speditamente lungo il cammino già intrapreso volto a spostare il baricentro della contrattazione collettiva verso i luoghi di lavoro e a confrontarci per superare le iniquità e le inefficienze del nostro mercato del lavoro al fine di favorire l’inclusione sociale, in particolare dei giovani e delle donne. Non ci sottrarremo a questi compiti. Raccogliamo la sollecitazione ad affrontare con spirito costruttivo e unitario una situazione di seria emergenza, rinsaldando le relazioni civili e istituzionali e il senso dello Stato. Il momento che stiamo vivendo richiede anche più Europa. Lo sforzo dei singoli Stati non può essere disgiunto dall’azione delle Istituzioni europee e, in particolare, dalla Banca Centrale Europea. Siamo certi che il governo agirà anche su questo fronte con determinazione e autorevolezza. Rinnoviamo l’appello a tutte le forze politiche perché, superando pur legittime contrapposizioni, diano pieno sostegno all’impegno del governo per il risanamento e per la crescita.

Abi, Alleanza delle Cooperative, Ania, Confindustria, Rete Imprese Italia

 

 

Dalle Cna provinciali:

 

MACERATA, PRESENTATO IL PROGETTO CREAIMPRESA

 

MACERATA. Presso la biblioteca comunale Mozzi-Borgetti di Macerata, si è tenuta la presentazione del progetto – elaborato dalla CNA di Macerata in collaborazione con la Camera di Commercio – denominato CreaImpresa. Alla spiegazione degli scopi e delle finalità del progetto sono seguiti i saluti istituzionali portati dall’assessore provinciale alla formazione e lavoro Paola Mariani e dall’assessore alle politiche giovanili del comune di Macerata Federica Curzi.

Con il progetto CreaImpresa la CNA vuole contribuire alla diffusione della cultura d’impresa e dei valori dell’artigianato tra i giovani, e, contestualmente, sostenere le nuove iniziative imprenditoriali – spesso di carattere altamente innovativo – che anche nel nostro territorio hanno bisogno di un supporto ulteriore a quello fornito tramite i tradizionali servizi.

A tal scopo la CNA vuole utilizzare utilizzare un approccio orizzontale e recarsi in prima persona nei luoghi dell’aggregazione giovanile. Nelle prossime settimane, infatti, saranno contattati i diversi Informagiovani e Centri d’Aggregazione Giovanile distribuiti nella provincia di Macerata – per un totale di oltre 25 strutture – che coprono l’intero territorio provinciale dalla costa fino ai confini con l’Umbria.

Verranno inoltre organizzati altri incontri di presentazione del progetto, in collaborazione con i gli Enti Locali, gli stessi Informagiovani ed i Centri per l’Impiego della provincia, durante i quali saranno giovani imprenditori a parlare, ragazze e ragazzi che in questi ultimi anni si sono distinti in iniziative artigiane ed imprenditoriali che hanno saputo resistere alla crisi e che hanno trovato nella capacità di innovare il maggior punto di forza.

 

 

Riunione di Fita-Cna sulle questioni della categoria dell’autotrasporto

TRASPORTO, LA CATEGORIA SI RIUNISCE SABATO A FANO

 

FANO (PU)–  L’autotrasporto, un tempo tra i settori con un trend in continua crescita in provincia di Pesaro e Urbino denuncia tutte le sue difficoltà e registra da anni una lenta ma continua emorragia di imprese. Seppure meglio di altre province, le imprese di autotrasporto segnano anche qui il passo.

La crisi del mobile, del tessile, della nautica e della meccanica, hanno provocato forti ripercussioni tra i tanti “padroncini”, rimasti senza commesse e per di più con un aumento spropositato dei costi di produzione.  Un settore che sta vivendo una crisi senza precedenti causata soprattutto dalla concorrenza dei vettori esteri, dall’introduzione di nuove e più stringenti norme sui tempi di guida e di lavoro, dall’aumento stratosferico dei già citati costi di produzione (gasolio, assicurazioni, pedaggi autostradali, manutenzione). Per discutere di queste ed altre questioni riguardanti la professione dell’autotrasportatore, la CNA-FITA ha organizzato un’assemblea della categoria che si terrà SABATO 19 NOVEMBRE con inizio alle ore 9 al Pit Stop Fano Trans service a Bellocchi di Fano, che sarà aperta dal presidente di Fita-Cna, Oscar Gasperini, interverranno, il responsabile territoriale della CNA, Luigi Colombaretti ed il coordinatore regionale di CNA-Fita, Riccardo Battisti.  Per il credito agevolato e finanziamenti sarà presente all’iniziativa un rappresentante di Fidimpresa, il Consorzio Fidi della Cna.

 

  

 

ASSOCIATI