NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 9

Notizie dal territorio   09   31 gennaio 2017

 

Dalla Cna Nazionale:

 

CNA FITA: “AUTOTRASPORTO, DUEMILA IMPRESE HANNO GIÀ ADERITOALLA NOSTRA CLASS ACTION CONTRO IL CARTELLO DEI PRODUTTORI DI CAMION.

 

Uno dietro l’altro occuperebbero per l’intera lunghezza l’autostrada Torino-Milano, 120 km abbondanti di percorso. Ma la colonna di oltre 7mila camion è destinata ad allungarsi. Per ora sono circa 2mila le imprese che hanno aderito alla class action della CNA Fita contro il cartello sui prezzi dei camion delle aziende produttrici, multate per tre miliardi dall’Antitrust europeo. Per partecipare a questa class action c’è tempo fino a martedì 31 gennaio.

L’azione è mirata a ottenere un risarcimento che si aggira intorno al 20 per cento del prezzo del camion e complessivamente è superiore ai 30 milioni.

Ad aver aderito autotrasportatori, soprattutto, ma anche molte imprese che operano nell’ambito dell’edilizia e dell’impiantistica. Quanti, insomma, hanno acquistato, preso in leasing o noleggiato a lungo termine un camion, conto terzi o conto proprio, di medio-grandi dimensioni immatricolato tra il 1997 e il 2011.

L’azione collettiva permette ai ricorrenti di condividere i costi del contenzioso, senza dover anticipare le spese legali, e di proteggersi da eventuali comportamenti ritorsivi da parte delle potenti imprese responsabili dell’illecito.

Le imprese interessate possono rivolgersi alle sedi territoriali della CNA.

 

Dalle Cna Territoriali:

 

LA CNA PICENA SOSTIENE IL LAVORO, TUTTI I NUOVI INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI NEL 2017

 

ASCOLI PICENO. Per l’anno 2017 sono stati finanziati una serie di incentivi alle assunzioni. “Come Cna di Ascoli Piceno siamo operativi da sempre su questo fronte – spiega Francesco Balloni, direttore provinciale dell’Associazione – e questi dispositivi di agevolazione li giudichiamo particolarmente positivi soprattutto perché rivolti ai giovani, categoria che in tutta Italia, e nella nostra provincia in particolare, incontra davvero enormi problemi per potersi collocare nel mondo del lavoro”.

Incentivo Occupazione Giovani (Decreto direttoriale 2 dicembre 2016, prot. n. 39/394) – Si tratta di un incentivo previsto per le aziende che assumono, nel corso del 2017, giovani tra i 16 e i 29 anni coinvolti nel programma Garanzia Giovani.

L’incentivo consiste:

– nello sgravio dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nel limite di 8.060 euro se l’assunzione avviene a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, o con contratto di apprendistato professionalizzante

– nello sgravio del 50% dei contributi previdenziali a carico del datori di lavoro, nel limite di 4.030 euro, se l’assunzione avviene con contratto a tempo determinato di almeno 6 mesi.

Gli incentivi sono riconosciuti con uno stanziamento di 200 milioni di euro per tutti i datori di lavoro del territorio nazionale.

Sgravio contributivo per le nuove assunzioni sistema duale (L. bilancio art. 1 co. 308-309)

Si tratta di un incentivo previsto dalla legge di bilancio per l’anno 2017 e rivolto ad aziende che assumono studenti provenienti da percorsi di alternanza scuola-lavoro o apprendistato.

La norma prevede che le aziende che assumono, entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto presso di loro attività di alternanza scuola-lavoro o apprendistato di primo o terzo livello sono esonerate dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un massimo di 36 mesi e di 3.250 euro su base annua. L’incentivo è valido per assunzioni dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018 con contratto a tempo indeterminato, anche in apprendistato.

Benefici per l’apprendistato di primo livello (L. bilancio art. 1 co. 240 lett. b)

Sempre la legge di bilancio per l’anno 2017 ha prorogato al 31/12/2017 i benefici (che erano in scadenza per il 2016) previsti per i datori di lavoro che assumono con un contratto di apprendistato di primo livello. Nello specifico, essi consistono in:

1) Aliquota contributiva ridotta al 5 per cento

2) Aliquota contributiva esente dal contributo di licenziamento

3) Sgravio totale del contributo a carico del datore di lavoro relativo all’Aspi e ai fondi interprofessionali per la formazione.

 

CNA FERMO: BOLKESTEIN,IL DDL DELEGA NON GARANTISCE LE IMPRESE IN ATTIVITÀ. OGGI A PORTO SAN GIORGIO, PRIMA ASSEMBLEA CNA BALNEATORI DEL TERRITORIO.

FERMO. CNA Balneatori esprime preoccupazione per il disegno di legge delega, relativo alle concessioni demaniali marittime a uso turistico ricreativo, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso venerdì 27 gennaio. “In particolare – riferisce Luciana Testatonda, responsabile del settore per CNA Fermoi criteri indicati per l’affidamento delle concessioni non garantiscono adeguatamente la continuità delle imprese in attività, con il rischio di metterle in ginocchio e di vanificare i costosi investimenti, in corso, di adeguamento delle strutture. Crea ulteriore incertezza, inoltre, la mancata previsione della durata precisa del periodo transitorio intercorrente tra l’attuale e la nuova disciplina delle concessioni”. Un tema che sarà al centro della Iª Assemblea di CNA BALNEATORI del nostro territorio, che si terrà martedì 31 gennaio 2017, ore 16.30, nella Sala Imperatori (Via G. Oberdan n.1) a Porto San Giorgio. “Negli anni – prosegue Testatondale imprese balneari hanno confidato nella certezza del rinnovo automatico della propria concessione per costruire il lavoro di una vita e realizzare gli investimenti necessari per la crescita e lo sviluppo del sistema turistico costiero: tutto ciò non deve essere vanificato”. La relazione sindacale dell’assemblea sarà affidata a Cristiano Tomei, coordinatore nazionale CNA Balneatori e Antonio Bianchini, responsabile regionale CNA Balneatori. All’ordine del giorno gli interventi di Filippo Antonini, presidente Team Guardaspiagge, che illustrerà il servizio di salvataggio a mare e Carlo Costantini, responsabile FAB/Cna Balneatori che relazionerà in materia di polizza fideiussoria. In programma anche gli interventi di CNA e Fidimpresa Marche, relativi alla sicurezza sui luoghi di lavoro e la sicurezza alimentare e gli strumenti finanziari per il settore turistico –balneare. INFO: CNA Provinciale di Fermo, resp. CNA Balneatori Luciana Testatonda, testatonda@cnafermo.it 0734/600288

ENERGIA TROPPO CARA PER LE PMI

 

CNA, Regione Marche e Esco Marche organizzano un seminario sui fondi per l’efficientamento e per le diagnosi energetiche

 

ANCONA. Per le piccole imprese italiane, che già fanno i conti con la crisi e il calo dei consumi, anche la bolletta elettrica è vero e proprio incubo. E’ ormai noto, infatti, che le pmi del nostro Paese pagano il prezzo più alto dell’energia elettrica dell’intera Eurozona: il 36,9% in più rispetto al Belgio, il 38,1% in più della Spagna, il 53,7% in più della Francia e ben il 78,1% in più rispetto ai Paesi Bassi.

Inoltre, le imprese più piccole pagano l’energia elettrica molto più di quelle più grandi, ovvero il 67,9% in più.

“E’ chiaro – dice la Cna – che una tale situazione incide molto negativamente sullo stato di salute delle imprese e conseguentemente sullo stato dell’intera economia”.

Di soluzioni si parlerà al seminario promosso da Cna Ancona, Regione Marche e Esco Marche, gratuito e aperto a tutti, che si terrà venerdì 3 febbraio alle ore 17 presso la sede provinciale Cna in zona Baraccola di Ancona.

“Dalla Regione Marche fondi per l’efficientamento delle pmi e per le diagnosi energetiche”, questo il tema dell’evento, che prevede anche la presentazione di interessanti case-history e l’illustrazione di soluzioni per il risparmio e l’efficientamento energetico.

Saranno presenti, tra gli altri, l’ing. Mogetta della Regione Marche che esporrà il bando POR FESR 2014-2020 Asse 4 relativo proprio all’efficientamento delle pmi e l’ing. Sticozzi che spiegherà l’importanza delle Esco nel processo di riqualificazione energetica.

Sono previsti approfondimenti con gli esperti su prenotazione da parte delle pmi partecipanti.

Per informazioni, contattare i numero 071 9947531-547

 

 

 

 

 

ASSOCIATI