NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 87

5 OTTOBRE 2011

Dalla Cna Marche:

 

Con questa operazione nasce un Confidi regionale ancora più forte, soprattutto nelle province di Ascoli e Fermo, dove sono 7 mila le imprese socie di Fidimpresa ed oltre 22 mila nelle Marche.

 

CREDITO AGLI ARTIGIANI, “LIBERA COOP ARTIGIANA” DI ASCOLI PICENO SI FONDE CON FIDIMPRESA MARCHE, CONFIDI UNICO DELLA CNA

 

Grandi movimenti nel campo del credito agli artigiani marchigiani. La società cooperativa di Ascoli Piceno “Libera Coop. Artigiana di garanzia”, e’ ufficialmente annessa a Fidimpresa Marche, il confidi unico della Cna regionale. L’operazione  di fusione per incorporazione è stata sottoscritta  dal presidente di Fidimpresa Marche Alberto Barilari e dal presidente di “Libera Coop artigiana di garanzia” Pasquale De Angelis.

Nasce così un Confidi regionale ancora più forte, che si consolida come punto di riferimento per le garanzie fornite agli imprenditori artigiani verso il sistema bancario e verso le istituzioni regionali. In particolare nelle province di Ascoli e Fermo, dove sono 7 mila le imprese socie di Fidimpresa, su oltre 22 mila nelle Marche, con 850 milioni di euro di finanziamenti garantiti e 60 collaboratori sul territorio regionale.

“Do il benvenuto a tutti i nuovi soci che da oggi entrano a far parte di Fidimpresa Marche; con questa operazione” ha affermato Alberto Barilari, presidente di Fidimpresa Marche, “saremo ancora più presenti nel territorio tra Ascoli e Fermo, per rispondere al meglio alle esigenze dei piccoli imprenditori, offrendo loro un portafoglio dei migliori prodotti finanziari e opportunità per soddisfare i bisogni di liquidità, investimenti e ristrutturazioni,  con la sicurezza del piu’ forte confidi della regione”.

In particolare gli imprenditori marchigiani bisognosi di liquidità a breve termine potranno ottenere fino a 15 mila e fino a 35 o 50 mila euro per investimenti a lungo termine, a tassi particolarmente competitivi. 

Fidimpresa Marche, gestisce anche i Fondi per la prevenzione dell’usura, partecipa al progetto del Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI), collabora con Artigiancassa e con i principali istituti di credito regionali, è socia di FedartFidi, la più grande associazione italiana per la categoria.  Fidimpresa è inoltre il primo Confidi delle Marche  accreditato dal Medio Credito Centrale ed ha ottenuto la controgaranzia da parte del Fondo Centrale di Garanzia.

 

 

CNA PENSIONATI: IL 9 OTTOBRE SI SVOLGERA’ LA VI° FESTA REGIONALE

 

La CNA pensionati Marche organizza, per domenica 9 ottobre, la sesta festa regionale. Quest’anno gli artigiani saranno ospiti a Macerata. Il programma prevede il ritrovo alle ore 08.30 nella piazza adiacente lo Sferisterio, da dove si partirà per una visita guidata dei monumenti cittadini. Alle ore 11.00, in Piazza della Libertà è previsto l’arrivo della Fanfara dei bersaglieri che – da corso della Repubblica – sfilerà fino al centro della città. Successivamente, la splendida cornice del teatro Lauro Rossi ospiterà i saluti delle autorità istituzionali, una relazione della Dott.sa Irene Manzi – vicesindaco di Macerata – su l’Unità d’Italia, e il concerto della Fanfara dei bersaglieri diretto dal Maestro Gabriele Buschi.

 

Dalla Regione Marche:

 

DALLA GIUNTA PROPOSTA DI LEGGE

PER LA DISCIPLINA DELL’ATTIVITA’ DI TINTOLAVANDERIA

 

“Quella avanzata all’Assemblea legislativa è una proposta di legge che mira ad assicurare omogeneità di requisiti professionali, parità di condizioni d’accesso al mercato, tutela dei consumatori e dell’ambiente. Abbiamo previsto anche iniziative di formazione professionale e dettagliato le competenze degli enti locali”. Sara Giannini, assessore alle Attività produttive, commenta così la proposta di legge approvata a sua iniziativa dalla Giunta regionale, per la disciplina dell’attività di tintolavanderia. Servizio, questo, esercitato attraverso i trattamenti di lavanderia, di pulitura chimica a secco o a umido, di tintoria, di smacchiatura, di stireria e altre attività tipiche, inerenti articoli e prodotti tessili di ogni tipo di fibra.

L’articolato della proposta di legge, che ora passa all’esame dell’Assemblea legislativa, individua le competenze di Regione, provincie e comuni, sia per quanto riguarda la formazione professionale – i cui progetti saranno concertati con le parti sociali – sia per le funzioni amministrative e di controllo sulle attività. In particolare, vigilanza e sanzioni vengono demandati ai comuni, così come la regolamentazione – sentite le categorie economiche più rappresentative – dei requisiti igienici e di sicurezza dei locali.

Specifiche disposizioni riguardano poi la figura del responsabile tecnico, che dovrà essere presente in ogni attività. La segnalazione certificata di inizio attività allo sportello unico per le attività produttive, sostituisce le relative autorizzazioni, fuorché quelle sanitarie e ambientali, previste da specifiche normative

 

 

Dalle Cna provinciali:

 

GRAZIE ALLA CNA LE IMPRESE DEL PICENO POTRANNO RISCUOTERE CON PIU' RAPIDITA' I CREDITI PER I LAVORI SVOLTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

 

ASCOLI PICENO.Grazie anche all'impegno della Cna di Ascoli le imprese del Piceno d'ora in poi potranno riscuotere con più facilità i crediti maturati nei confronti della pubblica amministrazione per i lavori svolti. "Abbiamo portato avanti per mesi insieme alla Cna regionale e a tutte le altre Cna provinciali delle Marche – spiega Francesco Balloni, coordinatore provinciale – un'azione forte per individuare uno strumento concreto di sostegno che possa davvero incidere sui bilanci delle nostre imprese in questa fase di congiuntura economica negativa".

Il dato di partenza dell'azione Cna sta nel fatto, ormai più che assodato, che i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione costituiscono uno dei fattori di indebolimento dell'equilibrio finanziario delle imprese. L'impegno della Cna ha portato alla firma di un protocollo d'intesa che coinvolge la Regione stessa, province, comuni e la gran parte del sistema bancario operante sul territorio regionale. "Con questo protocollo – prosegue Balloni – l'ente locale creditore si impegna a certificare il fatto che l'impresa ha realmente svolto lavori per l'ente stesso, precisando l'importo esatto della commessa e indicando la data precisa di quando l'ente pagherà il dovuto".

"Con questa certificazione – precisa Massimo Capriotti, direttore provinciale di Fidimpresa Marche – per l'azienda sarà più agevole presentarsi in banca e risolvere sicuramente in buona parte i propri problemi di liquidità. Cna e Fidimpresa Marche, dopo essersi impegnate per raggiungere questo importantissimo obbiettivo, ora sono a disposizione (per info contattare lo 0736.42176 e lo 0735.658948) con i propri consulenti per indicare alle aziende la strada migliore per ottenere lo smobilizzo dei crediti tramite la cessione dello stesso credito vantato nei confronti degli enti pubblici. O trovare forme alternative di finanziamento utili a migliorare lo status finanziario dell'azienda".

 

 

LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE

Scatta la II edizione del laboratorio didattico per la creazione di impresa

 che la CNA propone alle scuole secondarie di II grado della provincia di Ancona

 

ANCONA. “En Steps Srl”, una discoteca open space in grado di autoprodurre energia: con questa idea imprenditoriale la V A Igea del Corridoni-Campana di Osimo si è aggiudicata nel maggio scorso il primo premio della I edizione del concorso “La migliore idea imprenditoriale”, indetto dalla Cna provinciale di Ancona in collaborazione con le scuole superiori della provincia per promuovere, tra i giovani, la cultura dell’autoimprenditorialità.

Un’iniziativa che ha avuto ‘numeri importanti’: oltre 300 ragazzi coinvolti, 11 istituti di istruzione superiore partecipanti, 15 proposte presentate.

E la II edizione, ai nastri di partenza, non sarà da meno.

Sono già 8 le scuole secondarie di II grado della provincia che hanno confermato l’adesione per l’anno scolastico 2011-2012. Il progetto formativo partirà nella seconda metà del mese di ottobre.

Il progetto è destinato agli studenti delle quinte classi e prevede l’istituzione di un laboratorio didattico per la creazione di impresa per un totale di nove ore nel corso del quale si svolgerà attività di orientamento finalizzata alla trasmissione degli elementi necessari alla definizione di un’idea imprenditoriale.

Novità assoluta di quest’anno: durante l’attività di orientamento, i ragazzi dovranno produrre un video che racconterà e documenterà l’esperienza e il lavoro svolto; il filmato più creativo verrà premiato.

A conclusione del percorso didattico, gli studenti svilupperanno un proprio progetto di impresa. Il miglior progetto, valutato da un’apposita commissione, si aggiudicherà i 3.000 euro di premio in denaro messi in palio.

Inoltre, l’insegnante coordinatore del progetto vincente, riceverà in premio un PC portatile offerto dalla società informatica della Cna, Sixtema Spa.

Infine, sarà premiata con un buono acquisto del valore di 2.000 euro spendibile per attrezzatura tecnica presso Sixtema Spa la scuola che coinvolgerà il maggior numero di studenti e che otterrà il maggior punteggio.

I lavori andranno presentati alla commissione del concorso entro il 31 marzo 2012. A fine aprile si avrà la proclamazione dei vincitori.

“La nostra iniziativa – spiega il vice direttore provinciale Cna Marzio Sorrentino – ha l’obiettivo di introdurre i ragazzi degli ultimi anni delle scuole superiori ai temi della cultura d’impresa. La partecipazione al concorso rappresenta per questi ragazzi un momento di contatto privilegiato con la comunità delle imprese, in quanto è previsto il coinvolgimento di imprenditori del territorio nel corso degli incontri di orientamento”.

Il concorso è promosso dalla Cna con il patrocinio della Provincia di Ancona e la collaborazione della Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.  

ASSOCIATI