NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 54

25 SETTEMBRE

Da Cna Marche:

 

GIORGIO LIGLIANI CONFERMATO PRESIDENTE DI CNA

BENESSERE E SANITÀ DELLE MARCHE.

 

Giorgio Ligliani confermato presidente di Cna Benessere e sanità delle Marche. Lo ha deciso l’assemblea della categoria  che si è riunita ad Abbadia di Fiastra (Mc). L’assemblea ha anche nominato lo stesso Ligliani delegato all’assemblea elettiva regionale Cna del 16 novembre, insieme a Perlita Valasciani. Entrambi sono stati delegati a rappresentare la categoria anche all’assemblea elettiva nazionale Cna Benessere e Sanità. Con loro andrà a Tivoli il 13 e 14 ottobre , anche Stefano Ribaudo.

Sono intervenuti all’assemblea i delegati provinciali,  il vicepresidente nazionale dell’Unione CNA benessere e Sanità Antonio Stocchi ed  i  colleghi che nelle province  seguono l’Unione.

Dopo il saluto del Presidente uscente Giorgio Ligliani e della Vicepresidente Perlita Vallasciani ,   Luciano Ramadori , coordinatore regionale dell’Unione , ha illustrato l’attività regionale del quadriennio, ricordando le iniziative su:

–         il recepimento della L.174/2005,

–         riconoscimento qualifica acconciatore per tutti i barbieri;

–         iter formativo triennale per acconciatori;

–         definizione degli stages presso le imprese;

–         kit minimo per esami acconciatori ed esami estetiste.

–         Dove sostanzialmente la categoria ha ottenuto i risultati prefissati.

Inoltre si sono tenute altre iniziative:sulla normativa europea macchinari estetica, l’iniziativa regionale “poltrona in affitto”,  si sono tenuti seminari formativi tecnici regionale per la categoria.

ed è stata  sottoscritta la  convenzione con Fidimpresa Marche per eventuali finanziamenti ad hoc.

Ramadori ha anche ricordato la  collaborazione pluriennale con Università di Camerino, Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della salute,  per i corsi di aggiornamento per la categoria giunti alla IX edizione tra San Benedetto del Tronto e Camerino.

Infine è stato sottolineato il riconoscimento del ruolo degli odontotecnici ottenuto dal  Piano Regionale Sanitario ed è stato  illustrato l’accordo di collaborazione firmata con ODM , associazione culturale odontotecnica

La discussione, successivamente ha impegnato i presenti , essenzialmente, sulla volontà costituire gruppi di lavoro regionali per almeno  i tre mestieri di acconciatori, estetisti ed odontotecnici.

Il Presidente Stocchi concludendo il dibattito ha illustrate i suoi programmi, in qualità di candidato presidente nazionale dell’Unione Benessere e Sanità: ovvero far contare di più i mestieri , aprendo la partecipazione ai gruppi di lavoro nazionale ad invitati anche provenienti dalle regioni. oltre ai componenti delegati.

 

Dall’Inail Marche:

 

INAIL, INDAGINE TRA GLI UTENTI MARC HIGIANI

Anche per il 2013, come ormai di consueto dal 2004, l’INAIL ha programmato l’indagine annuale per rilevare il grado di soddisfazione dell’utenza sui principali servizi erogati nelle proprie Sedi, volto al progressivo miglioramento della qualità.

La rilevazione, che si svolgerà dal 30 settembre all’11 ottobre, è estesa a tutta l’utenza delle Sedi del territorio e si articolerà tramite la somministrazione di questionari attraverso tre canali: sportello (per le Sedi di Ancona, Ascoli Piceno, Macerata e Pesaro e per il Settore Ricerca, Certificazione e Verifica del Dipartimento Territoriale di Ancona) , via e-mail e telefono.

L’utenza, durante la rilevazione, verrà assistita dal personale INAIL.

La rilevazione riguarderà i servizi INAIL in generale, ed in particolare si focalizzerà su tre aspetti specifici: prestazioni sanitarie per i lavoratori; prestazioni economiche per i lavoratori; rapporto con le aziende.

I risultati dell’indagine costituiranno, poi, un punto di partenza per concrete azioni di miglioramento che potranno riguardare sia aspetti organizzativi che tecnologici che comportamentali

 

Dalle Cna provinciali:

 

Domenica convegno internazionale a Pesaro sulla terza età organizzato dalla CNA

A confronto le esperienze di cinque paesi: Italia, Belgio, Inghilterra, Polonia e Turchia

 

I PENSIONATI TERRORIZZATI DALLE CASE DI RIPOSO

ALL’ESTERO INVECE LE SCELGONO PER RIMANERE ATTIVI

 

PESARO – I pensionati italiani detestano le case di riposo e preferiscono trascorrere la terza età in famiglia, tra le mura di casa. Quelli del resto d’Europa, invece, nella maggior parte dei casi, scelgono di vivere l’ultimo tratto della propria esistenza in strutture specializzate dove possono decidere di essere ancora parte attiva nella società e dove comunque mantenere un rapporto diretto con la propria famiglia. L’attaccamento alla propria casa, al nucleo familiare è un fenomeno tipicamente italiano, trasversale alle generazioni che rivela inquietanti tratti comuni tra la terza età ed i giovani. Come non parlare ad esempio del cosiddetto “mammismo” e della difficoltà di molti giovani italiani (non sempre e non solo per ragioni economiche), a staccarsi dalla famiglia e dalle mura domestiche? Per discutere e confrontarsi su questo e altri aspetti che emergono da una ricerca sulla terza età in Europa, i pensionati d’Europa si confronteranno a Pesaro domenica 29 settembre nella Sala Montefeltro del Quartiere fieristico di Campanara (ore 9.30), nel corso di un convegno internazionale organizzato dalla CNA sul tema “Il pensionato attivo nella Comunità Europea”. Nella città marchigiana si confronteranno esperienze e modelli di come viene vissuta la terza età attiva in alcuni paesi europei tra loro distanti non solo geograficamente ma anche culturalmente. A Pesaro saranno resi noti infatti i risultati di una ricerca sul pensionato attivo in alcuni paesi ed in particolare in:  Italia, Inghilterra, Belgio, Polonia e Turchia. Il tutto per dar vita ad un progetto di partnerariato internazionale tra pensionati europei e società, basato su uno studio proposto dalla Comunità europea chiamato Reboot. “L’iniziativa – spiega il presidente provinciale di CNA Pensionati, Giancarlo Sperindio – che sarà parte integrante  della festa regionale della CNA Pensionati, si prefigge di intensificare un rapporto di conoscenza tra gli Over 60 per sviluppare specifiche sinergie di collaborazione al fine di individuare politiche comunitarie più vicine alle reali esigenze dei pensionati”. Lo studio condotto in questi mesi, grazie al coordinamento della società Training 2000 di Mondavio, ha visto l’apporto di esperti e studiosi delle principali università dei cinque paesi. Si tratta del primo studio del genere e che quindi assume una valenza inedita ed internazionale sul tema dell’invecchiamento attivo e sull’integrazione sociale dei pensionati. “L’obiettivo dichiarato della CNA – spiega il responsabile provinciale di CNA Pensionati, Valerio Angelini – è quello di sviluppare un progetto che individui politiche sociali comuni tra i paesi europei in grado di valorizzare la figure degli Over e di renderli parte attiva e preziosa fonte di saperi ed esperienze nella società”. Per i partecipanti al convegno  sono previste inoltre visite guidate alla Casa di riposo Santa Colomba ed al Museo storico della moto di Giancarlo Morbidelli. Nell’occasione all’ex pilota e imprenditore pesarese la CNA consegnerà un riconoscimento. Il convegno sarà aperto dal saluto del segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni.

GRANDE DISTRIBUZIONE:

OPPORTUNITA’ O MINACCIA PER LE PICCOLE IMPRESE?

Confronto tra PMI e GDO venerdì 27 settembre prossimo in occasione del congresso

della CNA Alimentare della provincia di Ancona

 

ANCONA. Margini, tempi di pagamento, piano degli ampliamenti, prodotti locali e tanto altro. Questi alcuni dei temi in discussione nel confronto organizzato dalla Cna Alimentare della provincia di Ancona, tra piccole imprese del settore e grande distribuzione organizzata. L’incontro si terrà in occasione del congresso per l’elezione dei nuovi organismi dirigenti dell’associazione venerdì 27 settembre alle ore 21.15 presso l’Auditorium Venanzi della Cna Provinciale di Ancona (Via Umani 1/A – 60131 Ancona).

Intento della Cna Alimentare è aprire un dibattito con la GDO per evidenziare alcune delle problematiche che i piccoli artigiani del settore incontrano nel rapporto con la distribuzione organizzata, con attenzione particolare proprio ai margini e ai tempi di pagamento, alle eccessive aperture di grandi poli nel territorio, ma non solo.

In un contesto che vede anche il settore alimentare perdere fatturato, diventa per la Cna necessario cercare soluzioni comuni e condivise, nuove vie di sviluppo che permettano di aumentare la competitività dell’intero sistema.

All’incontro parteciperanno Francesca Petrini (presidente provinciale Cna Alimentare), Giovanni Monti (vice presidente Coop), Michele Principi (presidente Ce.Di Marche), Fabio Badiali (presidente commissione attività produttive Regione Marche). Chiuderà i lavori Marco Tiranti (presidente Cna Provinciale).

ASSOCIATI