NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 39

10 LUGLIO 2013

Dalla Regione Marche:

 

MACROREGIONE ADRIATICO IONICA, AL VIA IL GRUPPO INTERREGIONALE DELLA CONFERENZA DELLE REGIONI PER L’ELABORAZIONE DEI PROGETTI SUL TEMA AFFIDATO ALL’ITALIA: ACCESSIBILITÀ E INFRASTRUTTURE

Al lavoro la Conferenza delle Regioni sui quattro pilastri che costituiscono la strategia del piano di azione della Macroregione adriatico ionica: Guidare la crescita innovativa marittima e marina; Incrementare l’accessibilità o connettere le Regioni; Preservare e gestire gli ecosistemi; Incrementare l’attrattività regionale. All’Italia, in collaborazione con la Serbia, è stato assegnato il tema della connettività e dell’accessibilità e quindi tutta la parte infrastrutturale. Questa mattina la Conferenza delle Regioni ha dato vita ad un gruppo di lavoro composto dalle 10 Regioni interessate dalla strategia (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia) che dovrà elaborare la proposta italiana su quest’area tematica. Una proposta da presentare nell’ambito di una conferenza di tutte le Regioni europee coinvolte, che si terrà in Grecia a fine anno.Il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha illustrato questa mattina ai colleghi della Conferenza delle Regioni le tappe della strategia. Il primo pilastro ha l’obiettivo di promuovere la crescita economica sostenibile e posti di lavoro e opportunità di business nei settori della blu-economy (l’acquacoltura, la pesca, biotecnologie blu, servizi marini e marittimi, ecc.). Il secondo è finalizzato a rafforzare i collegamenti della macroregione e a ridurre le distanze tra le comunità insulari e rurali attraverso il miglioramento della gestione dei corridoi fluviali e marittimi, nonché l’interoperabilità di tutte le modalità di trasporto. Il terzo pilastro ha come obiettivo il miglioramento della qualità ambientale degli ecosistemi e la tutela della biodiversità. Il quarto, infine, punta ad aumentare l’attrattiva turistica della regione, supportando lo sviluppo sostenibile del turismo costiero, marittimo e dell’entroterra, a ridurre la stagionalità della domanda, limitare l’impatto ambientale e promuovere un marchio regionale comune. “Nell’elaborazione delle proposte – ha detto Spacca – dovranno essere coinvolti tutti i soggetti: istituzioni locali, organizzazioni economiche, Università, fino agli Stati. Entro la fine dell’anno va dunque avviato un processo di perfezionamento della progettualità, che dovrà vedere le Regioni in un ruolo da protagoniste. Ora bisogna lavorare ancora più intensamente perché l’Europa attende da questa strategia macroregionale lo stesso risultato positivo delle altre due, già in essere: quella baltica e quella danubiana”.

 

 

Dalle Cna provinciali:

 

SALDI, CALMA PIATTA

Cna Commercio e Turismo rileva un trend migliore solo a Senigallia grazie al turismo e un aumento di casi di furto

 

ANCONA. Saldi calma piatta. Mentre fino a qualche anno fa i saldi erano il momento più atteso per gli acquisti e per cambiare il proprio guardaroba, a cinque giorni dall’inizio dei saldi estivi non si è registrato nessun aumento di clienti all’interno dei negozi, tantomeno di curiosi davanti alle vetrine.

La Cna Commercio e Turismo ha interpellato un campione di commercianti della provincia, ne emerge una non variazione delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. “Parliamo comunque di percezioni – precisa il responsabile provinciale Cna Commercio e Turismo Andrea Riccardi – perché per avere i dati è ancora presto”.

“Una volta i saldi erano la cartina tornasole dell’andamento dei consumi e del potere di acquisto delle famiglie – continua Riccardi – oggi possono solo aspirare ad essere una boccata di ossigeno per le imprese e un’opportunità per i cittadini di girare il centro alla ricerca del miglior affare. Nella provincia di Ancona il potere di acquisto è diminuito e la tendenza pre-acquisto da parte dell’acquirente è quella di confrontare i prezzi. L’acquisto, che anni fa seguiva gusti e tendenze, oggi diventa insomma intelligente”.

Rispetto ad Ancona, secondo i primissimi dati Cna, a Senigallia si registra un trend migliore, grazie soprattutto alla presenza dei turisti, anche se gli imprenditori senigalliesi lamentano una diminuzione di questi ultimi.

Nella zona di Falconara si segnala stabilità rispetto agli scorsi anni; ad Ancona città si rilevano commercianti soddisfatti e commercianti che evidenziano la necessità di politiche volte a far riprendere i consumi e a sostenere le imprese.

“Da questi primi contatti – prosegue Riccardi – emerge ancora una volta l’esigenza di organizzare iniziative che attirino gente in centro e di dare vita a politiche strutturate come l’apertura del porto, in grado di dare respiro e di far vivere alla città di Ancona il pieno delle sue potenzialità”.

Oltre al settore dell’abbigliamento e delle calzature, anche il settore alimentare mostra come sono cambiati i consumi: nei supermercati la Cna registra una diminuzione della vendita di prodotti freschi e un aumento di spesa nel settore gastronomia. La tendenza dei clienti non è più chiedere affettati e formaggi di qualità a peso, ma prediligere le confezioni a fette in offerta. E se non ci sono prodotti in offerta, acquistano quelli a prezzi più bassi.

Infine, i commercianti interpellati dalla Cna denunciano anche un aumento dei furti.

“L’invito che i commercianti rivolgono agli acquirenti – conclude Riccardi – è quello di scegliere i negozi delle città e i prodotti legati al territorio, mentre ai politici si chiedono politiche certe che riportino un clima di fiducia e di certezza”.

 

La sfilata di sabato sera momento conclusivo di un lungo lavoro di ricerca che ha prodotto in sette anni, mostre e libri

IDEE IN MODA, UN PROGETTO PER SALVARE

UN SETTORE CHE STA SPARENDO

La nostra mission? “Dare visibilità alle nostre aziende”

PESARO – Idee in Moda, la sfilata che ogni anno da sette anni la CNA propone per promuovere il tessile e abbigliamento, è diventata nel tempo un grande momento di spettacolo. Sul palco le collezioni di giovani stilisti pesaresi ma anche marchi prestigiosi di un settore che sta vivendo una momento drammatico e che ha visto via via ridursi ampie fette di mercato. Una crisi che ha portato alla chiusura di centinaia di aziende anche nella nostra provincia. Idee in Moda, da sette anni con caparbietà vuole difendere questo patrimonio fatto di grande manualità, creatività. Un progetto partito da lontano. “Idee in Moda 2013”  prosegue infatti il percorso avviato da Federmoda nel 2007 per valorizzare il prodotto-moda della nostra provincia, per mezzo del quale la CNA ha avviato una lunga serie di iniziative con l’obiettivo di riscoprire l’ identità territoriale dell’industria pesarese del tessile-abbigliamento, connotarne meglio l’ immagine e farla conoscere ed apprezzare nel rispetto di una storia e di una tradizione di primissimo livello.

“Le aziende del comparto moda del nostro territorio – dice il segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni – si sono sempre caratterizzate per l’ ottima qualità del loro prodotto, che nasce da un processo di lavorazione  la cui eccellenza è riconosciuta a livello internazionale e dal fatto che sono depositarie di conoscenze che hanno radici molto lontane. Si esprime così una qualità assoluta che nasce da una solida tradizione artigianale che, nonostante i lunghi momenti di crisi, rimane lo strumento essenziale, probabilmente addirittura l’ unico, per poter rimanere protagonisti nonostante i profondi cambiamenti del mercato globale”.

La sfilata in piazza è solo il momento conclusivo di un lungo lavoro. In questi anni abbiamo allestito due esposizioni fotografiche e documentali; una a Pesaro, sulle origini dell’ industria tessile nella nostra provincia, e l’ altra a Sant’ Angelo in Vado, sulla storia della cosiddetta “Jeans Valley”. Da non dimenticare l’attività editoriale con i due libri editi da CNA a firma di Cristina Ortolani dal titolo “Pesaro, la moda e la memoria”  sul lavoro dei sarti a Pesaro dal 1900 al 1970.

Come ogni estate, Idee in Moda, ripropone l’ ormai irrinunciabile Gran Défilé, e anche quest’ anno, nonostante il perdurare della crisi, la Moda tornerà protagonista nel luogo più significativo della città di Pesaro: Piazza del Popolo.

Grande lo sforzo organizzativo che l’ Associazione mette in campo, soprattutto in questo momento. Ma grande è anche l’obiettivo: dare maggiore impulso alle aziende del settore tessile-abbigliamento. Incoraggiante è l’ entusiasmo delle aziende del nostro territorio che parteciperanno al défilè e anche quest’ anno avremo in passerella tre “firme” locali ed un nuovo brand marchigiano. Aziende piccole e medie che avranno l’onore di sfilare insieme a grandi brand di fama internazionale e di “vestire” testimonial d’eccezione. Parteciperanno infatti al nostro evento, che avrà una copertura televisiva di livello nazionale, star della televisione e dello spettacolo che garantiranno una visibilità sui media nazionali.

“La nostra mission è questa – conclude Moreno Bordoni – ed è per questa che lavoriamo con grande entusiasmo e con un grande sforzo organizzativo per offrire non solo alle nostre imprese ma anche alla città un momento di grande visibilità e promozione”. CNA Idee in Moda sarà infatti trasmessa oltre che dalle tv locali, da Rete 4; La 5 Tg Com e Sky 180.

 

PESARO, LA CITTÀ PREMIA GRAZIANO DIANA

TALENTO DEL CINEMA COSTRETTO AD “EMIGRARE”

 

Regista e sceneggiatore ha scritto decine di film di successo. Su RaiUno a gennaio il suo ultimo film per la tv sul terrorismo “Gli anni spezzati”

 

PESARO – Non solo moda e passerelle ma anche valorizzazione dei talenti e delle intelligenze del territorio. CNA Idee in Moda 2013, il gran défilé che si terrà in piazza del Popolo sabato 13 luglio, accanto alla tradizionale sfilata dedicata alle griffe nazionali e alle creazioni degli artigiani pesaresi, propone infatti ogni anno ospiti che testimoniano talento, creatività e grandi doti di professionalità nei vari settori dello spettacolo. Nelle passate edizioni è toccato al direttore e compositore Roberto Molinelli e poi al pianista e cantante Matthew Lee. Così quest’anno toccherà a Graziano Diana. Al regista, sceneggiatore e scrittore, che ha vissuto gli anni della sua infanzia ed adolescenza nella nostra città, andrà infatti il premio Città di Pesaro che ogni anno la CNA affida ad un concittadino che si è particolarmente distinto per la sua attività ed il suo talento.

In questo caso a Diana verrà consegnato il premio per la sua opera nel mondo del grande e del piccolo schermo. Sono a firma di Diana infatti le sceneggiature di importantissimi film come: Un eroe borghese; La scorta; Ultrà; Vite strozzate.

E poi ancora  Canone Inverso; Maniaci sentimentali; Tutte le donne della mia vita; Il padre e lo straniero. E poi per il piccolo schermo: Ultimo; Donne di mafia; Soldati di pace; Don Bosco; Il giudice Mastrangelo; Amiche; La donna della domenica.

Come regista ha invece diretto “La vita rubata” con Beppe Fiorello. Nel 2010 ed ancora recentemente ha diretto per la tv il film televisivo “Edda Ciano e il Comunista”. Nella prossima stagione televisiva  su Raiuno andrà in onda invece il suo ultimo film “Gli anni spezzati”, sei episodi sugli anni di piombo in Italia e proprio in piazza del Popolo sarà proiettata in anteprima una clip della pellicola. Una importante serie televisiva che conta su un cast di primissimo livello formato tra gli altri da Alessandro Preziosi, Emilio Solfrizzi, Ennio Fantastichini, Alessio Boni, Stefania Rocca e Luisa Ranieri. Le sei serate sono costituite da tre miniserie di due puntate ciascuna ed andranno in onda su Raiuno il prossimo anno. Il progetto della trilogia prodotta dalla Albatross è ambizioso: raccontare gli anni di piombo, dalla strage di Piazza Fontana alla marcia dei 40mila a Torino, collegate tra loro, ambientate in tre città differenti e in tre periodi differenti: Milano dal 1969 al 1972, Genova dal 1974 al 1976 e Torino dal 1979 al 1981.

A consegnare il premio a Diana, un altro pesarese illustre, firma prestigiosa del mondo dell’editoria: Riccardo Signoretti, giornalista, opinionista ed ospite di numerose trasmissioni televisive, direttore ed autore del settimanale Nuovo del gruppo Cairo Editore. Sul palco di Idee in Moda salirà anche la cantante pesarese, Giulia Saguatti, protagonista del talent, “The Voice”.

“Siamo orgogliosi di loro – dice il segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni – a dimostrazione che la sfilata che ogni anno organizziamo per le imprese del settore è un’occasione per valorizzare non solo gli artigiani della moda ma più in generale tutte le risorse che un territorio riesce ad esprimere sotto varie forme. Giulia Saguatti e Graziano Diana sono un esempio perfetto di quello che sappiamo “esportare” in termini di talento, creatività, passione e capacità”.

 

PESARO,  UNA SFILATA PER SFIDARE LA CRISI

Parata di protagonisti della tv: Ainett Stephens, Raffaella Fico, Pamela Camassa, Manuel Casella. Presentano Jo Squillo e Cristiano Malgioglio

 

PESARO – E’ fissato per domani sera (ore 21) in piazza del Popolo il grande appuntamento con la moda sotto le stelle. Torna infatti la settima edizione di CNA Idee in Moda, l’iniziativa organizzata dalla CNA di Pesaro e Urbino per promuovere il settore del tessile-abbigliamento. Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino,  Comune di Pesaro, Regione Marche, Carifano, gruppo Kgs, Gruppo Gpa-Assistudio, Che Bolletta,  L’Orèal, la CNA intende rilanciare un comparto importante per l’economia della provincia che sta attraversando un momento gravissimo con oltre 150 aziende che hanno chiuso i battenti negli ultimi tre anni.
E dire che la provincia di Pesaro rappresentava fino a qualche anno fa uno dei distretti più fiorenti di questo settore, in particolare grazie alla produzione e alla lavorazione del jeans. Ma anche la maglieria e la tessitura hanno trovato in questo territorio ditte altamente specializzate. Purtroppo la concorrenza dei paesi asiatici ha contribuito ad affossare un comparto importante per questa provincia dove ormai si salvano solo pochi brand; quelli che hanno avuto il coraggio di non delocalizzare e di continuare ad investire in qualità e modelli.

Domani sera dunque la sfilata che vedrà in passerella belle e famose testimonial come Ainett Stephens, Raffaella Fico, Pamela Camassa con la partecipazione straordinaria del modello e attore Manuel Casella.
La sfilata sarà presentata da Jo Squillo e da Cristiano Malgioglio.   
Sul palco di piazza del Popolo, quest’anno grandi marchi legati soprattutto all’intimo e alla moda mare, come Parah, Cotton Club, Ean 13. Si tratta di brand famosi che danno lavoro ad aziende artigianali della provincia e che potrebbero incentivare ulteriormente le loro produzioni attraverso la rete di imprese altamente specializzate del territorio. Sul palco anche le collezioni di giovani stilisti pesaresi: Tanya Battistoni, Omar Morotti, e Melissa Agnoletti e di un altro nuovo brand marchigiano: Pierti. Quattro nuove e promettenti griffe che esibiranno le loro collezioni assieme a marchi consolidati della moda. In passerella i capi di abbigliamento donna di Tanya Battistoni; la maglieria di Omar Morotti; le borse, tshirt, gli accessori e le borse di Melissa Agnoletti. Ed ancora abiti da donna di Pierti. Accompagneranno le proposte le scarpe di Fratesi, unico calzaturificio della provincia, proprietario di diversi marchi distribuiti in tutto il mondo fra i quali Nila&Nila che sfilerà sabato. Per l’occasione Nila&Nila ha prodotto ben 80 paia di scarpe appositamente per la sfilata Idee in Moda. A fianco dei giovani stilisti, anche due laboratori artigiani di alta oreficeria: la All Gold di Fossombrone e Semprucci gioielli di Pesaro. Le loro creazioni orafe, assieme alle acconciature di Marcello, arricchiscono il programma di una serata di grande spettacolo con ospiti e attrazioni a sorpresa.
Nel corso della sfilata sarà assegnato il premio Pesaro Idee in Moda 2013 allo sceneggiatore e regista pesarese, Graziano Diana, autore di decine di film di successo per il cinema e la tv. Qualche titolo? Un eroe borghese; La scorta; Ultimo; Ultrà; Maniaci sentimentali; Canone Inverso; Il giudice Mastrangelo; Donne di mafia; Soldati di pace. Come regista ha diretto invece La Vita rubata con Beppe Fiorello; il film Edda Ciano e il comunista. In autunno su RaiUno andrà in onda il suo ultimo film Gli anni spezzati con importanti protagonisti come Alessandro Preziosi; Emilio Solfrizzi; Ennio Fantastichini; Alessio Boni; Stefania Rocca e Luisa Ranieri.
Graziano Diana sarà premiato da un altro pesarese illustre, firma di prestigio del mondo del giornalismo: Riccardo Signoretti, direttore di “Nuovo”. Sul palco di Idee in Moda ci sarà infine un’altra pesarese che si è fatta onore sugli schermi televisivi nazionali: Giulia Saguatti.  Reduce dal talent The Voice su Raidue dove è arrivata ad un passo dalle finali.
Al suo debutto di fronte al pubblico di casa, la Saguatti regalerà alcuni momenti musicali durante la serata dedicata alla moda.
La immagini della sfilata Cna-Idee in Moda, saranno trasmesse  da Rete 4, La5, TgCom e Sky 180.  Particolare nota d’orgoglio è data dal fatto che tutte le immagini della sfilata (che sarà curata dall’Agenzia Art&Work di Sandro Fiorentini per la regia di Maila Ferranti), sono affidate per il secondo anno alle telecamere di Tele 2000 con la regia di Michele Tontini.

Al termine i protagonisti della serata si trasferiranno al Margherita Beach per un party post-sfilata. Ai bordi del palco sarà allestito un salottino per gli ospiti curato da Trona, noto brand locale noto per la fabbricazione di poltrone ed oggetti d’arredamento galleggianti. L’angolo vip vedrà anche la partecipazione di Champagne Mumm e di Red Bull.

Al défilé collaborano come sempre vari sponsor e partner dell’evento. Tra questi il principale partner dell’ospitalità, il Cruiser Hotel (che curerà il soggiorno dei personaggi della serata), la concessionaria auto Bastianelli, l’Hotel Excelsior. La sicurezza è stata affidata all’agenzia PJ Investigation. Media partner dell’evento Veronica My Radio.

 

“UN ABUSIVO GIOCA CON LA TUA PELLE E CON I TUOI CAPELLI: NON METTERE A RISCHIO LA TUA SALUTE”

 Continua  l’impegno di Confartigianato e Cna nella campagna contro l’abusivismo nel settore benessere

 

MACERATA. “Un abusivo gioca con la tua pelle e con i tuoi capelli: non mettere a rischio la tua salute, affidati a professionisti dell’acconciatura e dell’estetica”: e’ questo lo slogan presente da questi giorni sui depliants informativi che verranno distribuiti ad imprese e cittadini di tutta la provincia di Macerata e diffuso nei mezzi di comunicazione, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione promossa da Confartigianato e Cna contro il dilagare del fenomeno.  Una campagna questa, che dopo il primo lancio nel 2012, segna il rinnovo dell’impegno di Confartigianato e Cna nel sensibilizzare i cittadini rispetto al fenomeno e nel tutelare la professionalità di chi esercita l’attività sostenendo costi elevati per l’aggiornamento professionale e per l’adeguamento alle normative vigenti di strumenti e macchinari.

 

Una scelta nata dalla consapevolezza che il fenomeno dell’abusivismo e della concorrenza sleale nel settore dell’acconciatura e dell’estetica ha assunto nella nostra Provincia dimensioni rilevanti. Secondo le stime elaborate a fronte di un’indagine promossa da Confartigianato e Cna relativamente alla percezione del fenomeno abusivismo nel settore benessere nella nostra provincia il numero delle attività abusive potrebbe aggirarsi intorno al 30 % di quelle regolari, con oltre 300 soggetti che operano in maniera abusiva.<Nel mondo del benessere – spiegano in proposito Agnese Latini ed Ivan Caterbetti, rispettivamente Presidenti Provinciali Estetica ed Acconciatura di Confartigianato Imprese Macerata, e Giorgio Ligliani, Presidente Provinciale Cna Benessere e Sanità –  esiste un mercato, quello degli abusivi, che non rispetta norme e requisiti che sono alla base della professionalità di acconciatori ed estetiste, quali in primo luogo abilitazioni professionali, e che ricorre all’utilizzo di prodotti professionali NON adeguati e NON rispettosi della salute del consumatore. Chi si rivolge ad un parrucchiere o ad un estetista abusivi crede di ottenere un servizio spendendo meno, invece, oltre a non avere un risparmio reale, rischia la propria salute e se subisce un danno non verrà risarcito. Dermatiti, micosi, funghi, allergie, prodotti non testati, scaduti o di scarsa qualità; traumi muscolari e danni ai capillari causati da massaggi non professionali o dall’utilizzo scorretto di apparecchiature, ma anche epatite C o AIDS provocati da strumenti non sterilizzati correttamente, sono infatti solo alcuni dei danni che gli abusivi possono causare ai clienti>. <Gli abusivi  – aggiungono poi i Presidenti –  non pagano le tasse, non versano contributi INPS e INAIL, non rispettano contratti di lavoro né leggi sull’ambiente, esponendo a rischi chi si avvale dei suoi servizi nei confronti di tante imprese che operano nella legalità, mettendone a rischio la sopravvivenza e creando concorrenza sleale, con un effetto devastante sulla comunità nel suo complesso in termini di “costi sociali”, poiché l’abusivo, aggirando le regole, crea danni all’erario e vive sulle spalle di tutti i cittadini>. <Già l’anno scorso – dicono Confartigianato Benessere e Cna Benessere e Sanità – abbiamo messo grande impegno nel lancio e nella realizzazione della campagna sensibilizzando ed informando consumatori e cittadini tramite cartellonistica stradale, uscite sulla stampa e volantini informativi. Abbiamo inoltre avviato un rapporto di collaborazione con gli Enti preposti al contrasto del fenomeno ed istituito dei recapiti ai quali poter inoltrare anche in forma anonima segnalazioni. A questo proposito vogliamo esprimere loro il nostro apprezzamento per l’impegno profuso nell’attività di contrasto al fenomeno, attraverso operazioni, effettuate anche di recente, a tutela della salute pubblica e dei consumatori, che hanno portato alla sanzione di attività non in regola. Ora, anche nel 2013, intendiamo proseguire su questo percorso, finalizzato a contrastare la forte concorrenza sleale che viene posta in essere dagli abusivi, ed a salvaguardare la tutela della professionalità di chi esercita l’attività, oltre alla salute dei clienti>. < Da qualche tempo – aggiungono le Associazioni – ci stiamo poi impegnando per chiarire le modalità concrete ed incentivare l’avvio presso le imprese del benessere del nuovo istituto della poltrona/cabina in affitto, che rappresenta un’opportunità concreta per chi intende lavorare regolarmente ed onestamente ma, per esempio, non ha disponibilità di risorse per avviare un’impresa tradizionale. Una ulteriore possibilità di lavoro per il settore, che potrebbe contribuire ad arginare il fenomeno abusivismo>. Per segnalazioni e informazioni: e-mail: abusivismo@macerata.confartigianato.itstopabusivi@mc.cna.it  fax 0733. 279527 – 0733.366223

 

ASSOCIATI