NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 24

23 MARZO 2012

 

Dalla Cna Marche:

 

COSTRUZIONI, NUOVO ALLARME ROSSO. SECONDO L’ISTAT IN UN ANNO,

TRA IMPRESE EDILI ED IMPIANTISTI PERSI 13 MILA POSTI DI LAVORO

 

Crescimbeni e Parisse: “la Regione applichi subito la procedura negoziata per gli appalti pubblici per favorire le imprese locali e pensi ad interventi urgenti per superare l’emergenza. Bene il Tavolo per sbloccare i pagamenti degli enti pubblici”.

 

Costruzioni, nuovo allarme rosso. Dopo la manifestazione dei lavoratori, imprenditori e professionisti del settore edile marchigiano di lunedì scorso, a gettare altra benzina sul fuoco sono arrivati i dati Istat relativi agli occupati nelle costruzioni (imprese edili, impiantisti ed indotto). In un  anno, tra novembre 2010 e novembre 2011, il settore ha perso nelle Marche 13 mila posti di lavoro, scendendo da 55 mila a 42 mila occupati.

“Questi dati dimostrano che la paralisi degli appalti pubblici ed anche dei lavori di manutenzione dei privati, a causa della crisi” affermano i presidenti regionali del comparto costruzioni di Confartigianato Marche Bruno Crescimbeni e Cna Marche Pasquale Parisse “colpisce duramente non soltanto le 23.721 imprese edili delle Marche, di cui 18.343 artigiane, ma anche le quasi 3 mila di imprese di impiantistica con 4 mila addetti ed occorrono risposte immediate da parte della Regione e degli altri interlocutori istituzionali”.

Secondo Crescimbeni e Perissi non bastano i tavoli che la Regione si è impegnata ad aprire sulla crisi del settore dopo l’incontro del 19 marzo con gli assessori Luchetti, Canzian, Viventi e Giannini. Ora servono decisioni concrete ed intereventi urgenti per superare l’emergenza.

“Ad esempio” sostengono i presidenti di Confartigianato e Cna Costruzioni “per quanto riguarda la procedura negoziata degli appalti pubblici senza bando di gara, in modo da favorire le imprese locali ed evitare ribassi eccessivi, non serve il tavolo fissato per il 20 aprile ma va subito applicata, perché è consentita dalla determina n. 8 del 14 dicembre 2011 dell’Autorità di Vigilanza dei Lavori Pubblici. Attendiamo inoltre una sollecita  pubblicazione del regolamento sulla  Legge regionale sulla riqualificazione urbana o Piano Casa, augurandoci che un eccesso di burocrazia non ne ostacoli la piena applicazione. Riteniamo invece sicuramente utile, e ci auguriamo che porti i risultati auspicati, l’annunciata convocazione di un tavolo tra Regione, imprese e banche per superare il blocco dei pagamenti degli enti pubblici alle imprese edili a causa del patto di stabilità. Con i pagamenti bloccati e con le banche che rifiutano di scontare i crediti degli enti locali, rischiamo di chiudere a causa della mancanza di liquidità.”

 

GLI OCCUPATI NELLE MARCHE  *

OTTIBRE 2010

OTTOBRE 2011

VARIAZIONE 

occupati agricoltura

20

              28

8

occupati industria manifatturiera

204

            192

-12

occupati costruzioni

55

              42

-13

occupati servizi

370

            384

14

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalle Cna provinciali:

 

RETE CASA, SABATO MATTINA LA PRESENTAZIONE ALL’HOTEL GRASSETI

 

CORRIDONIA. Sabato 24 marzo, alle ore 9.30, presso l’Hotel Grassetti di Corridonia, La CNA di Macerata, insieme agli artigiani del settore edilizia, presenterà la “ReteCasa – Il network per l’edilizia”. L’iniziativa conclude un lungo percorso di partecipazione, formazione ed integrazione tra diverse imprese del settore edile che, coadiuvate dalla CNA, hanno intrapreso un cammino comune per potersi presentare al mercato non più come singoli, ma appunto come rete.

Lo sviluppo delle reti, infatti, diventa sempre più una condizione essenziale per la riqualificazione delle imprese artigiane, poiché per mezzo di esse si può affrontare la sfida del mercato mediante l’offerta di nuovi servizi e prodotti. La Rete Casa, nata da un progetto CNA maceratese, è la prima rete di artigiani edili ed affini in grado di fornire un servizio chiavi in mano.

Siglando il contratto di rete, i 14 imprenditori aderenti hanno costituito un’impresa che complessivamente conta 56 addetti con un fatturato di oltre 4,5 milioni di euro che copre tutte le attività inerenti alla casa: dal muratore al tinteggiatore, dall’elettricista all’idraulico, dal fabbro al produttore di infissi. Rete Casa opera sia sul versante delle ristrutturazioni, con piccoli interventi di manutenzione – anche in bioedilizia – che su quello delle nuove abitazioni. La Rete, inoltre, è uin possesso di numerose attestazioni SOA e potrà quindi intervenire anche nel settore dei lavori pubblici.

L’iniziativa di sabato, alla quale sono invitati a partecipare artigiani, imprenditori, rappresentanti istituzionali ed operatori del settore, sarà introdotta da Marco Zucconi, Presidente provinciale della CNA Costruzioni, e vedrà gli interventi dell’architetto Emanuele Zippilli, dello studio OPER.A, del presidente della Rete Casa Enzo Martorelli, di Luigi Silenzi e del Presidente provinciale CNA Maurizio Tritarelli.

 

INTERNAZIONALIZZAZIONE: CNA PRESENTA IL PROGETTO “DOUBLE B”
Nove stagisti internazionali in arrivo nelle aziende locali

 

ANCONA. La Cna Provinciale di Ancona, nell’ambito del Programma Export Box, promuove il Progetto “Double B – Build Your Business” volto a supportare le imprese che vogliono inserirsi su mercati esteri e svolto in collaborazione con l’Aiesec (Organizzazione Internazionale gestita da studenti che si occupa di internazionalizzazione) e l’Università Politecnica delle Marche.

Per un periodo di sei settimane, per completare entro i primi di maggio, 9 stagisti internazionali provenienti da Argentina, Canada, Cina, Georgia, Polonia, Ungheria, Bahrein, opereranno all’interno di altrettante aziende selezionate, affiancati da un team di esperti composto da studenti dell’Università, consulenti Cna, e sotto la supervisione di un docente dell’Università Politecnica delle Marche.

Il progetto verrà illustrato nel corso di una Conferenza Stampa indetta per il giorno:

lunedì 26 marzo ’12 alle ore 12.00

presso la Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche, Sala del Consiglio

piazzale Martelli, Ancona.

 Saranno presenti i vertici della Cna provinciale di Ancona, i massimi esponenti dell’Università Politecnica delle Marche, tra cui il Magnifico Rettore prof. Marco Pacetti e il prof. Marco Cucculelli coordinatore del progetto, i 9 stagisti internazionali, i 30 studenti italiani partecipanti, le 9 imprese della provincia selezionate.

 

 

DOMENICA 25 MARZO LA SETTIMA FESTA

DELL'ARTIGIANO DELLA CNA DI ASCOLI PICENO

 

ASCOLI PICENO. "Momenti difficili, momenti in cui è ancora più importante ritrovarsi, riconoscersi e stare insieme". Così Gino Sabatini, presidente della Cna di Ascoli, illustra il tradizionale appuntamento degli artigiani della provincia che è giunto quest'anno alla settima edizione. "Come ogni anno – prosegue Sabatini –  organizziamo la tradizionale Festa dell’Artigiano per premiare gli associati che sono con noi da lunga data. Sappiamo che questo non è un periodo felice per l’economia ma proprio per questo abbiamo voluto mantenere questo appuntamento per rivederci tutti, convinti che, quando tutto diventa difficile bisogna fare leva su tutte le nostre capacità, a cominciare da quella di saper stare uniti e insieme". L’appuntamento con la Cna di Ascoli è per Domenica 25 marzo – alle ore 11,00, presso l'Hotel Ristorante Villa Pigna – Folignano". Prima della consegna degli attestati agli associati di “lungo corso” e ai più giovani – precisa Francesco Balloni, coordinatore provinciale della Cna di Ascoli –  illustreremo i risultati che la Cna di Ascoli Piceno ha conseguito nel corso del 2011 e ragioneremo sulle prospettive aperte nel 2012. Un anno complesso ma che vogliamo affrontare con grinta e determinazione e puntando su quei settori che possono dare una concreta speranza per il rilancio di tutto il territorio. In prima linea, su questo fronte, l'aggiornamento professionale e l'innovazione delle imprese, le nuove tecnologi al servizio del marketing e del mercato globale, il risparmio energetico e la green economy"

 

 

POLVERI SOTTILI SETTORE ALIMENTARE:

SLITTAMENTO DEI TERMINI

 

ANCONA – La regione Marche ha approvato, con la delibera 318 del 19 marzo 2012, lo slittamento dei termini per l’installazione dei sistemi di abbattimento delle polveri sottili per le attività alimentari che utilizzano la combustione a biomasse (forni e griglie).

Tutte le attività che hanno inviato la segnalazione ai comuni di residenza della presenza di forni o griglie che utilizzano biomasse (censimento) entro il termine del 15 gennaio 2012 possono usufruire di una proroga nell’installazione dei filtri: la nuova data di scadenza è fissata per il 14 di settembre. Per usufruire della proroga, oltre ad aver già aderito al censimento, l’azienda deve però inviare entro e non oltre il 30 di aprile al proprio comune: atto di incarico di progettazione di impianto di abbattimento fumi/nuovo impianto a gas o energia firmato da un professionista abilitato oppure ordinativo di impianto di abbattimento/nuovo forno a gas o elettrico firmato dal fornitore. In pratica al comune dovrà essere consegnata la documentazione che attesti l’effettivo impegno dell’imprenditore ad adempiere a tale obbligo di legge.

Lo slittamento è stato spinto dalle associazioni di categoria di settore per concedere un lasso di tempo adeguato ala scelta ed installazione di filtri per l’abbattimento di polveri. La normativa, infatti, obbliga gli operatori alimentari a dotarsi di filtri che abbattano il 90% delle polveri. Occorre quindi operare una scelta spesso complessa per poter rispettare le normative di legge.

Il provvedimento varato nel 2011 ed entrato in vigore a tappe in questo 2012 aveva suscitato polemiche per la tempistica stretta.

Per maggiori info: Andrea Cantori – cell. 3483363017 – email acantori@an.cna.it

ASSOCIATI