NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 19

10 MAGGIO 2013

Dalle Cna provinciali:

 

RELAZIONI POSITIVE IN AZIENDA POSSONO SCONFIGGERE LA CRISI.

COME MIGLIORARLE ? PERCORSO FORMATIVO GRATUITO

 

MACERATA. La CNA di Macerata, su iniziativa del gruppo Impresa Donna, offre un percorso formativo gratuito di 3 incontri tenuti da psicologi e councelor  dello Studio Prepos – Scuola di counceling Training e Psicoterapia.

Questa formazione ha l’obiettivo di rendere consapevoli imprenditori, collaboratori e dipendenti che i rapporti di lavoro, all’interno e fuori dell’azienda, sono un aspetto fondamentale per la buona riuscita dell’impresa: buone relazioni significa maggiore produttività, efficienza e risparmio perché sarà dimostrato che le cattive relazioni ostruiscono il lavoro e generano sprechi.

Gli argomenti che saranno trattati sono:

– Il comportamento economico e lo stile di consumo degli imprenditori Lunedì 20 maggio;

– Le relazioni in azienda ed il clima aziendale. Lunedì 10 giugno;

– I tre percorsi di uscita dalla crisi e diminuzione dello spreco Lunedì  1   luglio.

La formazione si terrà presso la CNA Provinciale Macerata, Via Zincone 20 dalle ore 18 alle ore 22.

Info ed iscrizione: Federica Carosi – 0733 261309 – fcarosi@mc.cna.it

 

 

       PORTO SANT’ELPIDIO – ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27MAGGIO

LE PROPOSTE DELL’ARTIGIANATO

PORTO SANT’ELPIDIO. La CNA intende, come sempre in occasione delle tornate elettorali, offrire alle imprese associate e ai cittadini interessati dal voto un confronto con i candidati, al fine di sottoporre loro le proposte dell’associazione in relazione alle tematiche legate al mondo artigiano e della piccola e media impresa.

In vista delle elezioni amministrative che si svolgeranno a Porto Sant’Elpidio il 26 e 27 maggio prossimi, la CNA Provincia di Fermo – direttivo zonale di Porto Sant’Elpidio ha organizzato un confronto con i candidati sindaco in programma per venerdì 10 maggio, alle ore 21, nella sala conferenze della sede della Croce Verde, in via del Palo n.10.

Il consiglio del direttivo zonale CNA ha già predisposto un documento che sarà sottoposto ai candidati sindaco per la città di Porto Sant’Elpidio, dal titolo “Le proposte dell’artigianato per una sana e fruttuosa amministrazione”.

In un momento storico particolarmente difficile e delicato per le difficoltà legate alla crisi del lavoro, alla crisi economica, ad una situazione socialmente preoccupante, la CNA vuole essere da stimolo per l’Amministrazione Comunale che si insedierà, ponendo l’attenzione su alcuni ambiti legati al nostro territorio con alcune proposte concrete.

 

TURISMO

Necessaria  riflessione sullo sviluppo di progetti, definiti in anni passati e all’epoca potenzialmente innovativi ma ad oggi superati, in relazione ai tempi e alla situazione economica e sociale odierna.

Porre fine all’uso indiscriminato di territorio e alla cementificazione, soprattutto con destinazione d’uso di tipo commerciale e abitativo.

Necessaria promozione di progetti di riqualificazione urbana ed una ristrutturazione di aree esistenti, in particolare nel centro città, al fine di favorire una rivalutazione del patrimonio edilizio esistente e una nuova vitalità in termini di commercio e terziario nel centro città.

 

SISTEMA DI VIABILITA’ PEDONALE, CICLABILE E CARRABILE

Richiesta una progettualità in grado di garantire la realizzazione di percorsi pedonali di tipo protetto, soprattutto in aree quali scuole, strutture sanitarie, parrocchie, etc.

Necessaria è anche una progettualità relativa alla viabilità ciclabile: favorire la mobilità dolce all’interno del territorio comunale, la connessione con il centro dai quartieri limitrofi.

La viabilità ciclo-pedonale è un elemento fondamentale per garantire la vivibilità di un territorio, garantendo la mobilità in sicurezza in particolar modo rivolta ai bambini, ai ragazzi, alle donne e agli anziani, che si muovono e vivono la città nell’arco dell’intera giornata.

La progettazione e la realizzazione di una corretta ed integrata viabilità ciclo-pedonale deve diventare strutturale, soprattutto all’interno di nuove aree edificabili.

 

RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE E DELLE OPERE PUBBLICHE.

Favorire progetti di riqualificazione del patrimonio edilizio che assumono parametri di eccellenza nei seguenti fattori: risparmio energetico, sicurezza, bio edilizia, nuovi impianti, adeguamento antisismico.

Una politica comunale d’incentivazione muovendo le seguenti leve:

– diversa applicazione degli oneri di urbanizzazione;

– diversa applicazione dell’IMU;

– accordi con le banche per l’erogazione di prestiti agevolati;

– accordi con i privati per il recupero immobili in stato di degrado.

 

FAVORIRE LE IMPRESE LOCALI NELL’AFFIDAMENTO DEGLI APPALTI PUBBLICI

Attuare politiche che permettono di favorire la partecipazione alla realizzazione di  appalti pubblici delle imprese locali.

Attivare politiche e metodi quali: “spacchettamento” degli appalti fino ad un massimo di importo lavori, per permettere alle imprese dei diversi settori, fra le quali oltre alle imprese edili annoveriamo anche le imprese di installazione, di impiantistica ecc. di partecipare alla realizzazione degli stessi appalti.

Per “spacchettamento” si intende evitare di predisporre un’unica gara, dividendo l’opera per le categorie più importanti (come ad esempio parte edile e parte impianti, divisa nelle varie categorie).

Attivare politiche che favoriscano la nascita di reti di impresa o consorzi nel settore dell’edilizia.

 

PROMUOVERE E VALORIZZARE L’ARTIGIANATO LOCALE E FAVORIRE IL MADE IN ITALY

 

Favorire ed attivare politiche per la promozione e la valorizzazione dell’artigianato locale; promuovere il nostro territorio come un sistema complesso di forze che, se coordinate attraverso un’unitarietà strategica, sono in grado di trasformare la realtà e la percezione che questa suscita.

Promuovere le eccellenze del Made in Italy per affrontare i mercati esteri, favorire la presenza, attraverso le associazioni di categoria, ad eventi, fiere o simili delle nostre imprese locali

 

La CNA è disponibile a contribuire per la buona risoluzione dei progetti amministrativi e per questo auspica che ci sia da parte del sindaco che sarà eletto un’attenzione particolare a favorire la partecipazione delle associazioni di rappresentanza delle categorie.

 

 

DONNE E BENESSERE IN AZIENDA

Ciclo di formazione e workshop finale gratuiti con CNA e Coos Marche

 

ANCONA. La donna nel lavoro in tempi di crisi. Parte da questo tema, per abbracciarne tanti altri, il ciclo di formazione gratuito promosso dal Comitato Impresa Donna della Cna provinciale di Ancona e Coos Marche Onlus. Il percorso formativo è rivolto a imprenditrici e imprenditori della provincia con l’obiettivo di fornire strumenti di lettura del contesto organizzativo per una migliore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e per una più efficace gestione dei conflitti e delle tensioni aziendali.

Tale azione è realizzata all’interno del progetto “Work harmony e benessere in azienda”, finanziato dal programma europeo per l’apprendimento permanente e si articola nei seguenti appuntamenti: 17 maggio dalle 17 alle 20 (tema: comunicazione); 18 maggio dalle 9 alle 12 (gestione dei conflitti), 24 maggio dalle 17 alle 20 (conciliazione dei tempi vita/lavoro), 25 maggio dalle 9 alle 12.30 workshop finale di sensibilizzazione con le testimonianze dirette delle imprenditrici Cna e la partecipazione dell’assessore regionale Sara Giannini.

“Da un’analisi dei bisogni formativi – spiega Adriana Brandoni, presidente del Comitato Impresa Donna Cna – emerge che imprenditori/imprenditrici in questo tempo di crisi spesso si trovano soli a gestire situazioni complesse dove il carico emotivo e la responsabilità rischiano di sottoporli a livelli di stress alti e prolungati nel tempo. Con questo progetto formativo gratuito intendiamo fornire loro strumenti che possano aiutarli nella gestione di situazioni complesse, acuite dalla crisi, attraverso maggiori competenze e capacità in termini di consapevolezza, comunicazione, rilevazione dei bisogni aziendali, conciliazione vita/lavoro, gestione dei conflitti, analisi e lettura dell’organizzazione aziendale”.

Infine, il workshop di sensibilizzazione sarà l’occasione per restituire quanto emerso dal percorso di formazione e per presentare esperienze e buone prassi di benessere, affinché diventino impegni di politica territoriale e strategia aziendale.

 

LA MIGLIORE IDEA IMPRENDITORIALE, PREMIAZIONI

 

Sabato mattina la CNA decreterà il progetto vincente tra i 18 presentati dalle scuole superiori che hanno partecipato alla terza edizione

 

ANCONA. Si terrà sabato prossimo 11 maggio presso la facoltà di economia G.Fuà di Ancona (ex Villarey) dalle 9 alle 13 l’evento Cna di premiazione della Migliore Idea Imprenditoriale, terza edizione svolta in collaborazione con Banca Marche. Al progetto hanno partecipato 13 istituti superiori della provincia di Ancona – quest’anno anche i licei – dei quali 11 hanno presentato in totale 18 idee imprenditoriali tra le quali una giuria tecnica decreterà il vincitore che si aggiudicherà 3000 euro. Al prof. coordinatore del progetto andrà in premio un Pc portatile ed è previsto anche un premio per l’istituto che avrà ottenuto il totale punteggio maggiore che riceverà 2000 euro in buoni acquisto di prodotti informatici presso Sixtema Cna. Sarà inoltre premiato il video presentato dai ragazzi che meglio documenterà in modo creativo il lavoro svolto.

Si tratta di un evento che coinvolge centinaia di studenti e che li avvicina in modo concreto al mondo imprenditoriale attraverso un lavoro di studio e realizzazione che comincia in aula con il laboratorio didattico per la creazione di impresa e culmina con la presentazione di una vera e propria idea imprenditoriale che dovrà dimostrarsi fattibile. Il progetto deve infatti rispondere a precisi requisiti: l’idea imprenditoriale deve essere radicata nel territorio di riferimento della scuola, deve essere un’idea fattibile e sostenibile sul piano economico e finanziario, deve essere innovativa e prestare attenzione alla sostenibilità ambientale.

La mattinata di premiazione inizierà alle 9 con gli interventi di Marco Tiranti presidente provinciale Cna, Luciano Goffi direttore generale Banca Marche, Gian Luca Gregori preside della facoltà di economia dell’Università Politecnica delle Marche, Patrizia Casagrande commissario straordinario della provincia di Ancona.

Alle 10 i ragazzi cominceranno a presentare i progetti finalisti, tutti riceveranno gli attestati di partecipazione al laboratorio didattico per la creazione di impresa; alle 11.45 sarà premiato il video mentre la proclamazione del progetto vincente di questa terza edizione del concorso è prevista per le ore 12.00.

Nella precedente edizione si è aggiudicato il premio il progetto Sapolio (produzione sapone da scarti di olii da cucina) dei ragazzi della V Igea del Vanvitelli Stracca Angelini mentre il premio per maggior punteggio totale è andato al Cuppari di Jesi. Video vincitore dell’edizione 2012 quello delle ragazze della V Moda del Bettino Padovano di Senigallia.

 

 

Lunedì a Pesaro e Martedì a Fano le due kermesse finali che proporranno i lavori degli studenti delle superiori della provincia dopo le storie raccontate da Luca Pagliari

 

NEW TRIBES, CON DUE SPETTACOLI A PESARO E FANO

SI CHIUDE IL PROGETTO RIVOLTO AI GIOVANI DELLE SCUOLE

 

PESARO Gabriele Tronconi, vittima a 19 anni di un incidente stradale mentre stava rientrando dalla discoteca; Angelo Vassallo, sindaco di Pollica ucciso dalla camorra il 5 settembre del 2010 e Angelo D’arrigo, deltaplanista, scienziato scomparso nel 2006 a causa di un banale incidente di volo. Storie segnate dalla tragedia ma anche dalla rinascita che sono raccontate in nove incontri (3 a Pesaro, 3 a Fano e 3 a Urbino), a 813 ragazzi delle scuole medie superiori della provincia (39 classi di 16 istituti della provincia), con un format diverso; quello del racconto e delle testimonianze. Tra giornalismo e teatro si è mosso infatti New Tribes “nuove tribù”, è il progetto targato Asur Area Vasta 1, CNA di Pesaro e Urbino, Regione Marche (Assessorato alla sanità), Ufficio Scolastico Provinciale, Provincia di Pesaro e Urbino, dedicato agli studenti della provincia tornato con una nuova fase per toccare temi delicati come quello della prevenzione e dei valori alla vita. Un progetto che conclude questa fase LUNEDI’ 13 e MARTEDI’ 14 a PESARO e FANO con due kermesse finali con gli studenti delle scuole che presenteranno i lavori realizzati nel corso dell’anno scolastico dopo gli incontri con le scuole. Il progetto, coordinato dall’Asur Area Vasta 1 e dal dottor Massimo Agostini con la partecipazione  del giornalista marchigiano Luca Pagliari degli insegnanti delle scuole superiori della provincia e degli psicologi dell’Asur, in questa prima parte si è sviluppato in una serie di eventi dal “format” originale che hanno coinvolto le scuole medie superiori della provincia attraverso confronti con gli studenti. Incontri che, con un linguaggio semplice e diretto, hanno proposto esperienze di vita particolarmente significative e di grande impatto emotivo. Le testimonianze, supportate da musiche e immagini, hanno fornito una lunga serie di spunti che sono diventati oggetto di approfondimento. I ragazzi delle scuole medie superiori della provincia, sulla base di questa esperienza, hanno elaborato una serie di riflessioni su ciò che hanno visto. E da questo lavoro collettivo sono partiti, grazie anche al coinvolgimento diretto di 40 insegnanti, progetti audiovisivi, testi,oggetti, immagini. Lavori che saranno presentati in NEW TRIBES, lo spettacolo che si terrà

> LUNEDI’ 13 al Teatro Sperimentale di Pesaro (ore 9,15)

> MARTEDI’ 14 al Teatro Politeama di Fano (ore 9,15).

Tutto nasce dalla prima fase di New Tribes tenutosi nell’anno scolastico 2008-2009. Quest’anno dunque le storie toccanti di Gabriele Tronconi, un ragazzo paralizzato dopo un incidente stradale avvenuto nel 1997. Da allora vive e si muove su una sedia a rotelle a causa di una paraplegia che ha completamente modificato la sua esistenza. La storia di Gabriele non riguarda la sola sensibilizzazione in merito alla sicurezza stradale, ma si allarga al suo percorso umano, alla difficile riabilitazione, al reinserimento in un mondo costellato da barriere architettoniche. La storia di Gabriele è trasversale, induce una forte riflessione non solo sui nostri comportamenti alla guida, ma anche sulla nostra percezione della diversità. E poi l’uccisione di Angelo Vassallo. La sua vicenda, ricostruita tra filmati e testimonianze, ha portato ai ragazzi una grande testimonianza di bella politica. Angelo è stato percepito dagli studenti come un nuovo eroe, una persona in grado di far rispettare le  regole, trasformando la sua piccola cittadina del Cilento, in uno dei luoghi turistici più importanti del paese. I ragazzi hanno apprezzato moltissimo questa storia drammatica e nello stesso tempo di speranza. Angelo D’arrigo rappresenta il terzo tassello del cammino. Deltaplanista, scienziato e sognatore, è stato capace di sorvolare l’Everest a bordo di un deltaplano e di accompagnare uno stormo di gru per 6.000 Km, guidandole lungo la loro rotta migratoria. Angelo D’Arrigo (scomparso nel 2006 a causa di un banale incidente di volo, mentre veniva trasportato su un ultraleggero) è la perfetta metafora del sogno. Senza sogni la vita non avrebbe senso e quando i sogni incontrano la tenacia, le cose improvvisamente prendono corpo e si avverano. Vicende raccontate dai protagonisti che hanno scosso i giovani che proprio su queste storie hanno elaborato le loro riflessioni. Scopo degli organizzatori di New Tribes è quello di indurre lo studente ad una profonda riflessione in merito al valore della vita e proporre stili comportamentali corretti e positivi”. Nel contempo, l’Asur Area Vasta 1 sta elaborando i risultati di un questionario distribuito ai ragazzi che hanno partecipato agli incontri dei questionari per misurare l’efficacia degli interventi.

 

Lunedì l’assemblea congressuale della CNA sui problemi più scottanti del territorio. “Non solo analisi ma anche idee sulle questioni più stringenti della Città ducale”.

 

URBINO, SU COLLEGAMENTI, ZTL, PIANO STRATEGICO E TRIBUTI

LE IMPRESE PRESENTANO LE LORO PROPOSTE

 

URBINO – Ad Urbino  in quattro anni, dal 2008 al 2012, si registra un saldo negativo ma non drammatico delle imprese artigiane (- 42). La crisi ha pesato maggiormente sulle imprese del manifatturiero e le  costruzioni. La variazione percentuale delle imprese artigiane registrate è del – 6,5%,  dato inferiore alla variazione (-11%), registrata su base provinciale. Tuttavia non sono pochi i problemi che attanagliano questo lembo di territorio dei quali si discuterà nel corso di un incontro con gli imprenditori della zona (compresi quelli del Comune di Petriano), nel corso dell’Assemblea congressuale territoriale della CNA che si terrà LUNEDI’ 13 MAGGIO  (ore 21), nella Sala Riunioni della CNA di Urbino.  Si parlerà in particolare del Piano Strategico di Urbino. CNA,  quale componente di Rete Imprese Italia ha presentato in un documento quelle che ritiene essere le direttrici fondamentali per lo sviluppo economico e per la vita della città in relazione allo sviluppo di turismo-commercio-artigianato e le loro interazioni con le eccellenze del territorio. C’è poi il problema della Ztl. Nel centro storico stanno crescendo fenomeni di esodo verso altre aree ma soprattutto fenomeni di chiusura di esercizi commerciali, artigianali, di uffici e servizi in un 2013 che si sta manifestando come il momento più duro della crisi in cui per la maggior parte delle attività presenti nel centro storico l’obiettivo è sopravvivere. L’introduzione dei varchi elettronici 0/24 in questo momento specifico ha gravi conseguenze sulla redditività e sulla capacità di competere della maggior parte degli esercizi operanti nel centro di Urbino. Ed ancora Occupazione suolo pubblico e Tosap con la possibilità di usufruire di incentivi o contributi al fine di renderne l’obbligo meno gravoso. Ma c’è tutto il problema relativo alla viabilità e mobilità. La Fano-Grosseto; tutti ormai guardano alla possibilità del coinvolgimento dei privati come unica soluzione, con la speranza che questo possa consentire di aprire tutti i cantieri per il completamento della Fano-Grosseto, a cominciare dal collegamento del tratto esistente con la bretella di Urbino e il superamento della barriera appenninica fino alla E45 e ad Arezzo. E poi il collegamento con Pesaro: ritardo storico che deve essere recuperato; da Morciola ad Urbino la strada provinciale urbinate 423 (ex strada statale) è assolutamente inadeguata come collegamento tra i due co-capoluoghi.  Il collegamento con la Valle del Foglia, la strada provinciale Feltresca, certamente inadatta per collegare tutto l’alto Montefeltro ai servizi della città di Urbino, ad iniziare da quelli ospedalieri, e per consentire un positivo sviluppo delle relazioni economiche. Il destino della ferrovia dismessa: collegamento Fano-Urbino con una pista ciclabile? Ed ancora il timore per la perdita di alcuni servizi importanti, come il tribunale;  la necessità di un confronto più serrato con i comuni di Urbino e Petriano su Tares ed Imu, anche alla luce di quelle che saranno le determinazioni del nuovo governo, auspicando una piattaforma comune del coordinamento locale di Rete imprese Italia. Il ruolo di Urbino come comune capofila di tutto un territorio, anche alla luce di un nuovo associazionismo tra comuni, dopo la probabile soppressione delle province, soprattutto per una gestione associata dei servizi più moderna e sostenibile economicamente. Il problema dell’abusivismo, in alcuni settori particolarmente allarmante nella città di Urbino, che sta sempre più assumendo i contorni di una vera e propria frattura sociale, oltre che un’emergenza economica. Secondo la CNA occorre infine  riqualificare il quartiere Urbino 2 al confine con il comune di Petriano. All’incontro con gli imprenditori di lunedì parteciperanno il responsabile dell’Area Territoriale, Massimo Galli; il presidente della CNA di Urbino, Lorenzo Santi; il vicepresidente provinciale, Alberto Barilari ed il segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni.

LA CNA DI ASCOLI PICENO CONTRO L’EFFETTO SERRA

L’IMPEGNO DI IMPIANTISTI E AUTORIPARATORI

 

ASCOLI PICENO. Professionalità e nuove tecnologie al servizio dell’ambiente. Anche dal Piceno un contributo al contenimento e alla corretta gestione, nella catena produttiva, dei gas ritenuti responsabili dell’effetto serra. L’azione di adeguamento alle normative europee e mondiali sarà il tema centrale del seminario che la Cna di Ascoli Piceno ha organizzato per sabato 11 maggio, alle ore 15, presso la Centrolab del Centro agroalimentare di Porto d’Ascoli.

“Un appuntamento importante – spiega Luigi Passaretti, vice presidente della Cna Picena – sia per i nostri professionisti del settore impiantistico, sia per quelli che operano nel campo della climatizzazione sulle autovetture. Come Cna siamo da sempre impegnati nella formazione dei nostri associati riguardo le più innovative tecnologie in grado di ottimizzare i processi produttivi nel rispetto dell’ambiente. Questo di sabato sarà un appuntamento importante e significativo in tale direzione”.

Interverranno all’incontro, oltre al presidente e vice presidente della Cna Picena, Gino Sabatini e Luigi Passaretti, insieme al direttore provinciale Francesco Balloni, Carmine Mucci (Centrolab) e l’ingegner Pino Captriotti (Apave Italia). Al termine del seminario sui gas florurati la Cna di Ascoli Piceno rinnoverà gli organizzi rappresentativi delle Unioni Impiantisti e Servizi alla comunità.

 

ASSOCIATI