NOTIZIE DAL TERRITORIO N. 14

6  febbraio 2014

 

Dalla Cna Marche:

 

Via dal decreto “Destinazione Italia” le norme sulle carrozzerie e le Rc auto che avrebbero costretto gli automobilisti a rivolgersi solo alle carrozzerie convenzionate con le compagnie di assicurazione.

SCONFITTE LE ASSICURAZIONI. GLI AUTOMOBILISTI POTRANNO

FAR RIPARARE L’AUTO DAL CARROZZIERE DI FIDUCIA

Salve nelle Marche 300 imprese di autoriparazione che avrebbero rischiato la chiusura.

Via dal decreto “Destinazione Italia” le norme sui carrozzieri e sulle assicurazioni Rc auto. Sono state accolte le richieste delle associazioni di categoria Cna e Confartigianato, che avevano promosse diverse iniziative nella regione Marche per sensibilizzare i parlamentari e le forze politiche su una proposta di legge che, se accolta, avrebbe  provocato l’espulsione,da mercato dell’autoriparazione di almeno 300 imprese solo nelle Marche.

“Solo ieri” affermano i responsabili dei carrozzieri di Confartigianato  Franco Gattari e di Cna Riccardo Battisti “abbiamo inviato una lettera ai parlamentari eletti nelle Marche per invitarli ad impegnarsi per impedire l’approvazione di un testo che avrebbe consegnato il mercato dell’autoriparazione nelle mani delle assicurazioni, imponendo agli automobilisti di rivolgersi solo alle carrozzerie convenzionate. “

Un appello che è stato ascoltato dai Deputati e Senatori marchigiani, che Confartigianato e Cna Marche ringraziano con una nota congiunta, nella quale sottolineano che “l’impegno e il lavoro assiduo delle associazioni di categoria dei carrozzieri di Cna e Confartigianato , hanno prodotto il risultato che tutti gli artigiani si attendevano: l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia è stato completamente stralciato. I carrozzieri indipendenti potranno continuare a svolgere la propria attività liberamente, senza dover sottostare ai diktat delle compagnie di assicurazione. E’ risultata vincente la scelta del dialogo istituzionale e della forte mobilitazione realizzata attraverso le numerose iniziative territoriali, che ci hanno permesso di spiegare le ragioni della categoria ai parlamentari e,  soprattutto la riuscitissima manifestazione nazionale del 15 gennaio al teatro Capranichetta, dove abbiamo avuto modo di far sentire la voce e le ragioni dei carrozzieri agli oltre 40 parlamentari intervenuti. E così siamo riusciti a convincere il governo a fare marcia indietro sulla parte del decreto che riguarda la riforma della Rc auto” 

 

Dalla Cna nazionale:

 

RCAUTO. VACCARINO (CNA): “SCONFITTE LE ASSICURAZIONI. I CARROZZIERI POTRANNO CONSERVARE LA PROPRIA INDIPENDENZA ”

“L’impegno e il lavoro assiduo delle associazioni nazionali di categoria dei carrozzieri, CNA in testa, hanno prodotto il risultato che tutti gli artigiani si attendevano: l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia è stato completamente stralciato. I carrozzieri indipendenti potranno continuare a svolgere la propria attività liberamente, senza dover sottostare ai diktat delle compagnie di assicurazione”. Lo dichiara Daniele Vaccarino, Presidente Nazionale della CNA.

“E’ risultata vincente la scelta del dialogo istituzionale e della forte mobilitazione territoriale e nazionale  – sottolinea Vaccarino – realizzata attraverso le numerose iniziative territoriali, che ci hanno permesso di spiegare le ragioni della categoria a molti parlamentari locali, e soprattutto la riuscitissima manifestazione nazionale del 15 gennaio al teatro Capranichetta, dove abbiamo avuto modo di far sentire la voce e le ragioni dei carrozzieri agli oltre 40 parlamentari intervenuti. E così siamo riusciti a convincere il governo a fare marcia indietro sulla parte del decreto che riguarda la riforma della Rc auto”

 

Dalle Cna provinciali:

 

SEMINARIO DELLA CNA PICENA: QUALI PROSPETTIVE E OPPORTUNITA’

PER IL PORTO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Sinergie qualificate e positive per dare un nuovo slancio al porto di San Benedetto del Tronto e alle attività della cantieristica ad esso legate. E’ questo lo scopo che la Cna provinciale di Ascoli Piceno intende perseguire con il seminario organizzato per il 6 febbraio alle ore 10,30 presso la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto.

I lavori del seminario – è questa l’impostazione che la Cna ha voluto dare all’incontro – partiranno da un’esperienza che si vuole far diventare trainante e pilota. Ovvero il progetto di riqualificazione di un cantiere navale che, innescando una serie di meccanismi virtuosi, ha avuto la possibilità di ridefinire l’area demaniale sulla quale operava e portare da 4 a 40 anni la concessione demaniale.

Un’esperienza che la Cna giudica di fondamentale importanza, sia per lo sviluppo delle imprese che operano nell’area portuale, sia per la crescita dell’intera città in chiave di occupazione e di maggiore attrattività turistica. Un’azione imprenditoriale ben impostata, una progettualità adeguata e strumenti validi per lo snellimento delle pratiche burocratiche: questi gli ingredienti di un’operazione di successo che la Cna vuole, con questo seminario, portare all’attenzione di tutti gli altri imprenditori che operano nell’area portuale sanbenedettese.

Per la Cna la crescita delle singole imprese, infatti, equivale a una crescita di tutto il territorio che così si rende meglio appetibile anche e soprattutto agli investitori di altre parti d’Italia ed esteri.

Il seminario raccoglierà, quindi, le esperienze e le testimonianze di tutti gli “attori” che la Cna ritiene indispensabili per ripetere il “successo” conseguito dal cantiere portato come esempio virtuoso. Nello specifico, porterà la sua esperienza l’architetto Fabio Marcelli, di Energy Service, lo studio che ha curato il progetto “vincente”. Sul versante istituzionale e burocratico, invece, porteranno la loro esperienza e il loro contributo l’ingegner Marco Cicchi, del Comune di San Benedetto del Tronto e il signor tenente di vascello Marco Marinelli, comandante della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto.

La Cna introdurrà i lavori con l’intervento del presidente provinciale Luigi Passaretti mentre il presidente di Cna Nautica provinciale, Vincenzo Michettoni, modererà il dibattito. A Gino Sabatini, in qualità di presidente regionale della Cna e di presidente di Piceno Promozione, azienda speciale della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, il compito di analizzare dove e come le istituzioni possono e devono intervenire per supportare le imprese che intendono ammodernare le proprie strutture e potenziare l’internazionalizzazione. Per la Cna prenderà inoltre la parola Daniele Volpini, presidente regionale di Cna Produzione, e anche lui “addetto ai lavori” in quanto titolare di una cantiere navale. Il convegno è curato, per quanto riguarda la parte organizzativa, da Irene Cicchiello, responsabile del settore Nautico per la Cna di Ascoli Piceno.

 

SIAE PAGAMENTO ENTRO IL 28 FEBBRAIO

TARIFFE AGEVOLATE DEL 25% PER I SOCI CNA

 

ANCONA. La CNA provinciale di Ancona informa tutte le attività del commercio e dell’artigianato che utilizzano musica d’ambiente ed apparecchi multimediali che, per evitare sanzioni, dovranno effettuare entro il 28 febbraio il pagamento della SIAE.

“Le imprese interessate sono quelle che fanno uso di musica – precisa Andrea Riccardi Responsabile CNA Commercio – e le tariffe sono differenziate per le attività commerciali, gli alberghi ed i pubblici esercizi, compresi quelli che organizzano concertini o trattenimenti danzanti, gli automezzi pubblici, i centri fitness e le imprese artigiane”.

La CNA ha stipulato una convenzione con la SIAE che riduce le tariffe del 25% per tutti i propri iscritti.

“In momenti di forte difficoltà economica – spiega Andrea Riccardi – ogni possibilità di risparmio è importante per gli imprenditori ed è per questo che ci siamo attivati per confermare e migliorare le convenzioni a favore dei soci”.

Presso ogni sede territoriale della CNA sono a disposizione i moduli necessari per l’applicazione delle tariffe agevolate.

 

ASSOCIATI