MERCOLEDI’ 28 GIUGNO AL MUSEO OMERO DI ANCONA L’EVENTO FINALE DEL PROGETTO “CRAFT SURFING”

Artigiani del futuro, dove si incontrano tradizione e innovazione, sapienza manuale e competenze digitali, arte e artigianato. Maestri artigiani che la Cna ha coinvolto in un progetto per promuovere le attività tradizionali e di qualità delle Marche. Nella nostra regione le attività dell’artigianato artistico e tradizionale sono 1.585 tra cui 335 botteghe per la realizzazione di oggetti in ferro, rame e altri metalli e 268 sartorie su misura. Inoltre 195 orafi, 136 botteghe di strumenti musicali e 109 restauratori di opera d’arte. I ceramisti sono 45 mentre sono appena 8 quelli che lavorano il vetro soffiato. Competenze da difendere e valorizzare, con l’intento di avvicinare i giovani a questi mestieri tra l’arte e l’artigianato dove le mani artigiane incontrano l’ultima frontiera dell’intelligenza artificiale.

“Craft Surfing, Botteghe ospitali” è il progetto che la Cna di Ancona e la Cna Marche hanno realizzato con il contributo della Regione Marche, con l’obiettivo di creare una rete di imprese artigiane d’eccellenza.

Dopo diverse iniziative su tutto il territorio regionale il progetto Craft Surfing della Cna arriva alla tappa finale con un evento al Museo Omero di Ancona, che si terrà mercoledì 28 giugno.

Il progetto ha coinvolto 15 artigiani da tutte le Marche, che hanno condiviso i propri spazi commerciali e i loro laboratori creativi, organizzando scambi di ospitalità per le loro produzioni di qualità. Tra inizio aprile e fine maggio si sono svolte le “contaminazioni eccellenti” ad Ancona, Pesaro, Civitanova Marche, Ascoli Piceno e Monte Urano, che hanno convolto ogni volta tante persone interessate all’artigianato Made in Marche. Al termine di ogni evento è stato offerto un buffet di prodotti tipici del territorio, per combinare l’alto artigianato e l’alta gastronomia marchigiana.

L’evento finale di mercoledì 28 sarà l’occasione per raccontare le esperienze vissute nei laboratori artigiani, grazie all’ausilio di foto e video, e per riflettere sul tema dell’artigianato odierno in relazione al design e altre forme d’arte.

Il convegno si terrà presso la Collezione Design del Museo Omero alla Mole di Ancona, un luogo nato per far scoprire la bellezza degli oggetti e il pensiero che li ha prodotti. Dopo i saluti del sindaco di Ancona Daniele Silvetti, del presidente Cna Ancona Maurizio Paradisi, del presidente Cna Marche Paolo Silenzi e del consigliere della Regione Marche Mirko Bilò, interverranno l’architetto Fabio Fornasari, curatore della Collezione Design e la ricercatrice Alice De Vecchi, che si soffermeranno sulla relazione tra spazio e oggetto e sul ruolo odierno del saper fare. Fornasari condurrà inoltre i partecipanti in una visita guidata degli oggetti della Collezione Design, che chiedono di essere toccati, manipolati e ascoltati.

Non mancherà un contributo semiserio a cura del Degrado Post Mezzadrile, un gruppo di ragazzi senza volto, molto attivi sui social, che sanno dare voce alla marchigianità più pura raccontandone vizi e disastri

Le storie delle imprese artigiane partecipanti sono raccontate dai protagonisti attraverso foto e video che saranno condivisi sui social e sul sito web www.rumoredellarte.it.

“Nei giorni scorsi” ha affermato la presidente di Cna Marche Artigianato Artistico Barbara Tomassini “la Regione Marche ha riconosciuto trentacinque nuovi maestri artigiani orafi, ceramisti, restauratori, sarti e merlettai, calzature su misura. Botteghe artigiane di eccellenza per promuovere nei percorsi turistici il nostro artigianato di qualità. Per promuoverle la Cna propone laboratori di formazione, l’esposizione di prodotti delle botteghe artigiane in luoghi e edifici marchigiani ad alta valenza storica e culturale, la creazione di una rete regionale dell’artigianato artistico e tradizionale per promuoverne i manufatti all’estero, realizzare un museo laboratorio virtuale e di un marketplace online dell’artigianato artistico regionale.”

ASSOCIATI