Costantini: “Possiamo e dobbiamo fare di più per favorire la legalità”

“Ascoltare le storie degli imprenditori vittime di usura mi provoca un misto di orgoglio e rabbia”, l’esordio del Presidente nazionale CNA, Dario Costantini, intervenendo al convegno sul tema “Sfide e soluzioni. Analisi critica su usura ed estorsioni nella nostra provincia”, organizzato dalla CNA di Trapani e dall’associazione Antiracket e Antiusura “Gaspare Stellino”.

“Orgoglio – ha continuato Costantini – perché, una volta in più, capiamo che ci sono imprenditrici ed imprenditori che antepongono il valore della legalità alla loro azienda, alla loro vita e a quella dei loro famigliari. Rabbia perché, in giornate come queste, prendiamo atto che la nostra associazione, evidentemente tutte le associazioni, lo Stato, in tutte le sue articolazioni, tutti noi, non stiamo facendo abbastanza. Da parte mia, oggi tornerò a casa con la convinzione che quel che possiamo fare è sicuramente provare a limitare le criticità che alimentano un contesto favorevole al ricorso alla criminalità, all’usura e all’estorsione.” Il Presidente CNA ha indicato una serie di problematiche particolarmente pesanti per micro e piccole imprese. Ad esempio il ritardo dei pagamenti, non solo da parte dello Stato ma anche dei privati. E poi le crescenti restrizioni nell’accesso al credito e la cattiva burocrazia che necessita di una profonda opera di semplificazione. Sono tutti elementi che favoriscono l’estorsione e l’usura.

All’evento, che si è tenuto sabato 4 maggio alla Cittadella dei Giovani di Alcamo, hanno preso parte, tra gli altri, il procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello; il presidente della Commissione Antimafia, Antonello Cracolici; Fabio Bottino, comandante provinciale dei Carabinieri di Trapani; Fabiana Minardi, tenente della Guardia di Finanza di Alcamo; Vincenzo Vincifora, funzionario Ministero dell’Interno; monsignor Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Trapani.

Sono, inoltre, intervenuti anche cinque imprenditori vittime di usura ed estorsioni, che hanno raccontato la loro esperienza– non sono mancati i momenti toccanti che hanno emozionato anche il pubblico- sottolineando l’importanza dell’aver denunciato per uscire da brutte situazioni.

Soddisfatti della grande partecipazione di imprenditori al convegno, ma anche delle reti sinergiche che si sono venute a creare a loro supporto, i vertici nazionali e locali di CNA.

“Siamo a disposizione di tutti gli imprenditori – dichiarano il presidente e il segretario di CNA Trapani, Giuseppe Orlando e Francesco Cicala – e ci impegniamo ad informarli anche in merito agli strumenti a loro sostegno previsti dalla legge”.

Questo articolo Costantini: “Possiamo e dobbiamo fare di più per favorire la legalità” è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI