Costantini: “La rivoluzione green si fa solo con le nostre imprese”

Sono le piccole imprese le protagoniste della transizione verde, dell’innovazione e del Made in Italy per dare una prospettiva di crescita al Paese. Il Presidente nazionale della CNA, Dario Costantini, chiude il convegno dedicato alla sostenibilità promosso da CNA Umbria rivendicando il ruolo “delle nostre imprese” sulle quali non può essere scaricato il costo delle crisi.

La rivoluzione green – ha detto Costantini – si fa solo con le Pmi perché sono le nostre imprese che ogni giorno mettono mano all’efficientamento del Paese”. Ma al tempo stesso “sono quelle che stanno subendo più di altre l’impennata dei costi energetici”.

Costantini ha ricordato che proprio dall’Umbria, a Deruta, ha iniziato “il viaggio tra le imprese che già nel gennaio del 2022 denunciavano che il rischio di andare fuori mercato a causa dell’innalzamento delle bollette”.

Ma la CNA ha l’ambizione di essere una grande forza sociale, e quindi “non ci fermiamo alla protesta ma avanziamo proposte”. “Abbiamo studiato e messo a punto un progetto presentato agli ultimi due governi per dare impulso all’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili”. Un progetto sul quale “ci siamo mobilitati come sistema, coinvolgendo i territori. È stata “una nostra grande vittoria – ha detto Costantini – che la proposta CNA è stata accolta dal governo e inserita nella recente revisione del Pnrr” con uno stanziamento di 1,5 miliardi. “Ora ci attendiamo che rapidamente venga definito il quadro normativo per far partire gli investimenti”.

Ma la rivoluzione green deve poggiare su alcuni elementi fondamentali, ad esempio serve mettere ordine “come proponiamo da tempo ai bonus per l’edilizia. La nostra associazione è quella che propose i primi incentivi casa, quelli del 36%. Ma serve stabilità e certezza della norma”.

“Viviamo un anno molto difficile sull’efficientamento energetico”, ha detto Costantini indicando alcune criticità. “L’exit strategy dal Superbonus è stata fallimentare con cambiamenti repentini delle norme e delle scadenze”. Lo scenario geopolitico promette un inverno molto rigido ed è molto probabile un nuovo aumento dei costi energetici. Le imprese poi sono alle prese con difficoltà di trovare manodopera e restano le criticità per il reperimento dei materiali. “Abbiamo bisogno di una prospettiva, almeno di medio periodo – ha aggiunto – con un sistema di incentivi che stimolino le famiglie a mettere mano a un patrimonio abitativo energivoro. Dobbiamo pagare meno l’energia ma dobbiamo anche consumarne meno con abitazioni più efficienti”.

“Come Associazione – ha detto Costantini – continueremo a fare la nostra parte, con proposte che siano frutto di una lobby sana che fa l’interesse del Paese. Come Aziende, gli Artigiani hanno nel loro DNA l’economia circolare, gli Artigiani riparano arrangiandosi sempre; con la fantasia, riciclando i materiali. E se qualcosa non c’è, gli Artigiani la costruiscono. E qui, nella città di Francesco e dal momento che noi siamo quelli che costruiscono e non distruggono, non possiamo non rivolgere un augurio di pace al nostro mondo, ancora provato dai conflitti”.

Costantini all’inizio ha ringraziato la presidente della regione Umbria, Donatella Tesei, che ha partecipato all’evento, e poi il presidente di CNA Umbria, Michele Carloni, per l’attenzione alla necessità delle imprese, la vicepresidente nazionale, Roberta Datteri, che ha ricordato l’importanza della sostenibilità come driver per l’export e il segretario CNA Umbria, Roberto Giannangeli che è stato il motore dell’iniziativa.

Questo articolo Costantini: “La rivoluzione green si fa solo con le nostre imprese” è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI