CNA: “Escludere dagli extraprofitti gli impianti da rinnovabili destinati all’autoconsumo”

epa09884834 Turbines and electricity pylons on a wind farm at Little Cheyne Court in Romney, in southern Britain, 11 April 2022. Wholesale energy prices have risen, with the average UK family’s energy bills rising by up to 54 percent. The UK government has published the ‘Energy Security Strategy’ to help tackle soaring energy prices and reduce reliance on Russian oil and gas. The plan include investment in nuclear, wind, solar and hydrogen with the government targeting 95 percent of electricity being low carbon by 2030. EPA/NEIL HALL

Le piccole imprese dotate di impianti energetici da fonti rinnovabili destinati all’autoconsumo non sono avidi speculatori ma vengono trattate come tali dalla norma sugli extraprofitti contenuta nel decreto sostegni ter. CNA lamenta che davanti a costi insostenibili delle bollette è impensabile sottrarre preziose risorse a imprese che hanno la “colpa” di aver investito per l’autoproduzione da fonti rinnovabili, contribuendo a ridurre la dipendenza dalle fonti fossili.

La norma sugli extraprofitti infatti si applica sugli impianti FER con potenza superiore a 20 KW e prevede il recupero da parte del GSE degli extraprofitti per l’energia immessa in rete nel periodo 1° febbraio-31 dicembre 2022, poi prorogato al 30 giugno 2023. Da qualche settimana il GSE sta inviando la richiesta a migliaia di imprese per la restituzione di somme che variano da alcune migliaia a decine di migliaia di euro con un forte impatto sui costi e la liquidità delle imprese.

Alla luce dell’annuncio del Presidente del Consiglio sulla volontà di riscrivere con urgenza la norma sugli extraprofitti, CNA invita il Governo a sospenderla per l’anno in corso, dilazionare la scadenza per i pagamenti prevista al 31 ottobre prossimo, cancellare la proroga al giugno 2023 e in ogni caso escludere dal campo di applicazione gli impianti destinati all’autoconsumo di energia.

ASSOCIATI