CNA ED ECCELLENZA ARTIGIANA: OFFIDA MOSTRA “D’ARTE E DI STRADA”

                                                    “”

GUINNES DEI PRIMATI PER LE VIE DI OFFIDA “IL SENTIERO DEI MAESTRI VASAI” 

Al  via a Offida, con l’inaugurazione di giovedì sera 1 settembre (ore 18 all’Enoteca regionale), “D’arte e di strada”, l’evento del fine settimana che la Cna di Ascoli ha dedicato alla promozione delle eccellenze artigiane del Piceno. “Un evento che abbiamo cercato di rendere il più possibile di richiamo – spiega Gino Sabatini, presidente della Cna di Ascoli Piceno – grazie alle risorse messe in campo dall’assessorato regionale alle Attività produttive e alla strettissima collaborazione che come Cna abbiamo imbastito con il comune di Offida. L’inserimento della nostra kermesse nel contesto del tradizionale evento legato alla promozione della produzione vitivinicola non è casuale: fare sistema vuol dire riuscire a mettere in campo il meglio che un territorio può offrire. E questa è una delle chiavi per aprire le porte di una ripresa concreta e duratura”.

“Le mostre “Marche eccellenza Artigiana” racchiudono in sé il vero significato dell’artigianato artistico marchigiano – così l’assessore regionale Sara Giannini precisa il senso di questa iniziativa promossa dall’assessorato alle Attività produttive –  La tradizione degli antichi mestieri artigiani, un legame forte e radicato con il territorio, arte e perizia tecnica, ma anche capacità di innovarsi e confrontarsi con la contemporaneità. Le produzioni di qualità che il settore sa esprimere, oltre a rappresentare la storia e l’identità regionale, evidenziano una buona domanda di mercato, costituiscono occasione di sviluppo ed occupazione e anche testimonianza culturale della radicata laboriosità della nostra comunità”.

“La Cna è presente con numerosi artisti e artigiani – aggiunge Barbara Tomassini, presidente provinciale dell’unione Artistico e tradizionale – per una manifestazione che è stata doverosamente aperta a tutti gli artigiani del Piceno e delle Marche. Così i visitatori della mostra potranno avere uno spaccato a 360 gradi delle nostre eccellenze artigiane: dagli orafi ai ceramisti, dai mobilieri ai restauratori, da chi produce capi di alta moda a chi lavora nel campo del merletto e del tombolo di alta qualità”. “Lungimirante è il termine giusto per definire questo connubio – precisa il sindaco di Offida, Valerio Lucciarini – per il quale ringraziamo la Regione e la Cna. Artigianato, agricoltura e agroalimentare, ovvero guardare alla crescita futura forti di un passato e di tradizioni radicate nel territorio”.

Ma la Cna non si è fermata a questa sia pur importante e qualificata vetrina. La “tre giorni” dedicata al Marchio di Eccellenza Artigiana avrà due importanti momenti di aggregazione e spettacolo: domenica sera, nella piazza antistante il chiostro di Santa Caterina (dove è stata allestita la mostra) saranno di scena gli artisti di strada della Compagnia del Folli, mentre sabato (dalle 18 alle 21) due maestri artigiani, Anna Maria Bozzi e Alessandro Lisa, si cimenteranno in un tentativo di Guinnes dei primati che se andrà a buon fine vedrà l’artigianato Piceno e marchigiano iscritto nel libro mondiale dei primati. “Per la nostra struttura è stato, ed è in queste ore, un impegno assai gravoso dal punto di vista organizzativo  – commenta Francesco Balloni, coordinatore provinciale della Cna – ma coniugare le produzioni di alta qualità del territorio con l’eccellenza artigiana e con la capacità di attrarre visitatori e turisti riteniamo sia una missione fondamentale delle istituzioni e delle associazioni di categoria”.

Il tentativo di record è stato articolato in modo da coinvolgere residenti e turisti: i maestri vasai si alterneranno infatti su un tornio che sarà montato su un piccolo carro che coprirà un percorso lungo le vie di Offida: partendo dalla Vinea, attraversando il museo del merletto (che per l’occasione resterà aperto oltre il normale orario), fino a raggiungere la sede della mostra al chiostro di Sant’Agostino. Nelle tre ore di lavoro i due artigiani tenteranno di produrre il maggior numero di vasi partendo dall’argilla grezza e foggiando diverse forme nella magia del lavoro al tornio. E’ prevista la “creazione” di non meno di 200 vasi che saranno posizionati ai bordi delle vie e illuminati da piccole torce che disegneranno un tracciato di luci e colori, di circa due chilometri, che dà anche il titolo al tentativo di record: “Il sentiero dei vasai”.

GLI ARTIGIANI IN CAMPO

Giorgio Aguzzi (orafo – Pesaro), Pietro Angelini (orafo – Ascoli Piceno), Patrizia Bartolomei (porcellana – Ascoli Piceno), Mobilificio Binni (mobilieri – Monsampolo del Tronto), Anna Maria Bozzi (vasaia), Coccia e Oddi (orafi – Monteprandone), Luciano Costantini (mobiliere – Centobuchi), Bruna di Massimo Simonetti (restauratrice – Sant’Egidio alla Vibrata), Luciana Emili (stilista – San Benedetto del Tronto), Andrea Fusco (ceramista – Ascoli Piceno), Anna Maria Gandini (ceramista – Ascoli Piceno), Daniele Gaudenzi (orafo – Pesaro), Paolo Lazzarotti (ceramista – Ascoli Piceno), Alessandro Lisa (vasaio – Monteprandone), Il Mobile di Ripani e Massacci (mobilieri – Comunanza), Iolanda Ottavi (merletto gioiello – Offida), Barbara Petrelli (ceramista – Monteprandone), Ricci cornici (cornici – Ascoli Piceno), Augusta Schinchirimini (ceramista – San Benedetto del Tronto), Silvia Simonetti (ceramista – Castignano), Antonio Tomaselli (orafo – Ascoli Piceno), Barbara Tomassini (ceramista – Folignano), Monia Vallesi (ceramista – Ascoli Piceno).

ASSOCIATI