Bolzano, boom artigianato nonostante la crisi: trainante l’edilizia

A Bolzano e provincia nei primi cinque mesi di quest’anno sono aumentate le imprese artigiane. Hanno sfondato il muro delle 14mila unità passando da 13.994 a 14.137 imprese. Dopo mesi densi di dati negativi, quindi, emerge finalmente un dato positivo dal rapporto periodico dell’Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. E a scovarlo è stata CNA-SHV.

Ottima la performance del comparto edile: tra le nuove imprese risultano 15 muratori, 7 aziende di movimento terra, 3 elettrotecnici, 19 pittori, ben 40 ditte di altri settori delle costruzioni. Crescono anche i mestieri legati ai servizi (+8), gli estetisti (+13), la manifattura (+11), i sarti (+11). In calo invece i falegnami.

“Il quadro complessivo dal rapporto mensile Ire di giugno – commenta Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV – dimostra che la pandemia sta valorizzando i mestieri del saper fare, frutto di elevata competenza e conoscenza anche tecnologica.  L’artigianato, fatto di micro e piccole imprese, si sta confermando una concreta opportunità di lavoro autonomo e dipendente anche durante la peggior crisi economica dal periodo bellico ad oggi. Ogni azienda neonata in poco tempo riesce a dotarsi di collaboratori, pochi ma buoni, con cui il datore di lavoro intreccia un rapporto molto forte tanto che, quando si va in una bottega, si fatica a distinguere il titolare dal dipendente, visto che entrambi lavorano in sintonia. Questi dati debbono far riflettere la politica e il mondo della formazione affinché le scuole siano sempre più in linea con le necessità occupazionali dell’artigianato, affinché i giovani vedano questo tipo di impresa come un concreto investimento personale e professionale, affinché le Istituzioni, anche quelle bancarie, creino le condizioni migliori per far nascere e consolidare le imprese artigiane in Alto Adige”.

Una riflessione sui mestieri in calo, come i falegnami: “Il boom dell’edilizia artigianale, confermata anche dai 241 posti di lavoro in più in un anno nel comparto registrati dall’Osservatorio provinciale del mercato del lavoro, dovrebbe coinvolgere anche i falegnami che, opportunamente aggiornati, darebbero un contributo sostanziale all’edilizia green attraverso i manufatti in legno. Più in generale, la crescita dell’edilizia richiede il massimo sostegno possibile a strumenti come il Superbonus 110% che, oltre a dare lavoro alle nostre imprese, agevolerebbe la transizione ecologia delle costruzioni verso un modello di piena sostenibilità.

Clicca qui per altre notizie della categoria.

Questo articolo Bolzano, boom artigianato nonostante la crisi: trainante l’edilizia è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI