ANAC: l’iscrizione nel registro degli indagati non è più causa di esclusione dalle gare d’appalto

L’Autorità con delibera 397 del 6 settembre 2023, alla luce di quanto stabilito dal nuovo Codice degli Appalti operante dal 1° luglio 2023, chiarisce che la mera iscrizione nel registro degli indagati non può, da sola, determinare effetti pregiudizievoli di natura civile o amministrativa per la persona alla quale il reato è attribuito. Pertanto non comporta più l’esclusione dalle gare d’appalto.

Il parere reso in risposta alla richiesta circa i requisiti di ordine generale occorrenti per l’affidamento di contratti pubblici, con particolare riguardo alla configurabilità del grave illecito professionale, sulla base della disciplina contenuta negli artt. 94, 95 e 98 del nuovo Codice dei contratti pubblici D.L. 36/2023.

In particolare Anac ha provveduto ad individuare le differenze tra la disciplina in tema di illecito professionale grave dettata dal Codice Appalti del 2016 e quella introdotta dal Codice Appalti di quest’anno.

Tra gli aspetti di maggior rilievo del nuovo Codice la tipizzazione delle fattispecie costituenti grave illecito professionale (limitato, sotto il profilo penale ai reati di cui alle lettere g) ed h) del comma 3 dell’art. 98) e dei mezzi di prova utili per la valutazione della sussistenza dell’illecito stesso, superando in tal modo l’impostazione precedente che consentiva di valutare ogni condotta penalmente rilevante idonea ad incidere sulla affidabilità e sull’integrità della impresa concorrente.

Nell’ambito della tipizzazione introdotta perde, quindi, rilevanza la mera iscrizione nel registro degli indagati, probabilmente per esigenze di coordinamento del Codice Appalti con la riforma recata 150/2022 che ha introdotto (tra l’altro) nel codice di procedura penale la nuova disposizione dell’art. 335-bis, che così recita: «La mera iscrizione nel registro di cui all’articolo 335 non può, da sola, determinare effetti pregiudizievoli di natura civile o amministrativa per la persona alla quale il reato è attribuito».

DELIBERA N. 397 del 6 settembre 2023

Questo articolo ANAC: l’iscrizione nel registro degli indagati non è più causa di esclusione dalle gare d’appalto è stato pubblicato su CNA.

Read More

Generated by Feedzy
ASSOCIATI